Scrittori e scienziati firmano il “Manifesto del pane” per l'impasto perfetto

Sabato 8 Giugno 2019
Non solo fornai e cuochi, ma scrittori, scienziati e artigiani: c'è un popolo trasversale fra i firmatari del Manifesto futurista del pane lanciato da Grani futuri, il movimento dedicato al pane buono da mangiare e buono per la salute che il 15-16 giugno festeggia la terza edizione a San Marco in Lamis e Rignano Garganico.

Ecco Pino Aprile (scrittore), Angelo Vescovi (scienziato e farmacologo), Teo Musso (padre della birra artigianale italiana), Corrado Assenza (pasticciere siciliano celebrato da Netflix), Gabriele Bonci (fornaio romano con i tatuaggi icona sul pane 'contemporaneo'). Il Manifesto del Pane è scandito in undici punti, tanti quanti il Manifesto di Marinetti e non è solo il vademecum per l'impasto perfetto, è l'insieme delle buone pratiche per una rivoluzione culturale a partire dal più simbolico degli alimenti.

Vescovi, primo medico a dirigere un trapianto di cellule staminali in un malato di Sla, parla di cosa accade ai piccoli pazienti dei reparti pediatrici quando mettono le mani in pasta: 
«I bambini che fanno il pane sono così felici che li vedi immersi in una forma di ipnosi, la gioia di tenere le mani in quell'impasto è una sorta di terapia emotiva che - come dire? - li predispone ad accogliere meglio e più efficacemente le terapie classiche». Aprile, autore del best seller Terroni, spiega: «Nel poema su Gilgamesh, Enkidu, acquisisce natura umana facendo l'amore con una donna e mangiando 'pane, il cibo degli uomini'. Vuol dire che con un buon pane abbiamo ancora speranza di passare dallo stadio animale a quello umano». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Termini, la brutta cartolina della fila chilometrica per i taxi

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma