Covid, il 70% degli italiani ha rinunciato alle cene a casa di amici: 9 su 10 hanno detto addio a bar e ristoranti

Covid, il 70% degli italiani ha rinunciato alle cene a casa di amici: 9 su 10 hanno detto addio a bar e ristoranti
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Marzo 2021, 14:03 - Ultimo aggiornamento: 15:23

Alla fine sono sempre i numeri a parlare. Il 70% ha rinunciato a pranzi e cene in casa di parenti e amici e quasi nove italiani su dieci (86%) hanno detto addio a bar, ristoranti, pizzerie evitando di andare fuori per colazione, pranzo o cena a causa dell'emergenza Covid. È quanto emerge da un'analisi della Coldiretti su dati Istat in merito al comportamento dei cittadini durante la seconda ondata epidemica. Un auto isolamento a tavola che, precisa la Coldiretti, ha effetti sul piano delle relazioni sociale soprattutto per le molte persone sole ed anziane.

Roma, la crisi infinita dei negozi: altre 18mila chiusure

Roma, tavolini all'aperto gratis fino a giugno per ristoranti e locali. Raggi: «Ora l'esenzione del canone per il 2021»

La situazione, precisa la Coldiretti, rischia di aggravarsi per le prossime festività di Pasqua visti i limiti fissati in tutta Italia per contenere la pandemia, con un perdita stimata per sole 2 settimane di 3,2 miliardi per la chiusura di tutti i servizi di ristorazione.

La Coldiretti ricorda che sono 7 milioni gli italiani che tradizionalmente pranzano fuori casa a Pasqua spendendo circa 400 milioni, mentre il 32% dovrà rivedere i propri programmi nel lungo weekend di Pasquetta dedicato tradizionalmente alle gite fuori porta, alle visite a parenti e amici e alle vacanze. Duramente colpiti gli oltre 24 mila agriturismi italiani, una vacanza particolarmente apprezzata con l'arrivo della primavera.

Roma, cena al ristorante con il passaporto vaccinale: con la “green card” il piano per locali e palestre

Ostia, Camilla la ristoratrice in ginocchio: «In 12 mesi appena 4mila euro. In quella foto pensavo: non riaprirò più»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA