Il liquore Genepi del Piemonte ottiene il marchio europeo Ig dall'Europa

Mercoledì 5 Febbraio 2020
Il genepì del Piemonte, liquore ottenuto dalla macerazione in alcool di artemisie alpine, ha ottenuto il marchio europeo di tutela Ig, indicazione geografica. La presentazione del riconoscimento dell'Unione Europea è avvenuta nella sede della Provincia a Cuneo. I produttori e trasformatori sono 13 tra Cuneo, Asti e Torino.

«È uno dei prodotti più tipici della cultura alpina piemontese, ora protetto da un disciplinare rigoroso e controlli periodici - spiega Paolo Rovera, presidente dell'associazione di tutela nata nel 2002 - Ad esempio l'artemisia usata deve essere coltivata sopra i 1500 metri». 

La produzione attuale è di circa 30 mila bottiglie l'anno, solo una piccola quota va all'estero. I controlli su coltivazioni, disciplinare e lavorazioni sono curati dalle dogane e dai monopoli.
«Facciamo un appello per tutelare questo prodotto: a fine pasto in un ristorante piemontese bevete genepì e non il limoncello, come ogni tanto accade», dice il vicepresidente dell'associazione Carlo Quaglia, titolare di una distilleria gestita dalla sua famiglia da 4 generazioni.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma