CORONAVIRUS

Dieta e smart working, i consigli per restare in forma lavorando da casa: due spuntini e mai pasti davanti al pc

Sabato 10 Ottobre 2020
Dieta e smart working, i consigli per restare in forma lavorando da casa: due spuntini e mai pasti davanti al pc

Il coronavirus ha cambiato radicalmente le nostre vite, stravolgendo le nostre abitudini e costringendoci ad adeguarci a una nuova quotidianità. Molti italiani durante il lockdown hanno approcciato per la prima volta allo smart working, una pratica che diverse aziende hanno deciso di mantenere anche dopo la fine della quarantena. In tanti lamentano di essere ingrassati da quando il lavoro da casa è entrato nelle loro vite, in quanto meno incentivati a fare movimento e, molto spesso, tentati da un'alimentazione casalinga non proprio equilibrata. Da qui l'esigenza di una dieta per lo smart working, un regime alimentare pensato per chi passa molte ore del giorno a casa, davanti a un pc, e desidera mantenere la linea.

LEGGI ANCHE Dieta, il vademecum per difendersi dai mali di stagione (e dal Covid): frutta, verdura e pesce

 

I consigli

 

Mantenere il ritmo dei pasti

Nutrizionisti e dietrologi consigliano di mantenere il ritmo dei pasti: tre principali (colazione, pranzo e cena) più due spuntini. È importante mangiare ad orari regolari, perché il ritmo della nostra alimentazione ha un'influenza cruciale su metabolismo, ciclo sonno-veglia e, di conseguenza, sulla nostra salute in generale. 

 

Colazione e spuntini

La colazione è il pasto più importante della giornata, poiché avvia il ciclo metabolico dopo il digiuno della notte. Altrettanto importanti sono gli spuntini: piccoli break, a metà mattina e metà pomeriggio, che permettono di placare la fame. Frutta e yogurt sono gli spuntini ideali per non appesantirsi troppo.

 

Programmare il menù settimanale

Restando chiusi in casa per giorni e giorni, si rischia di lasciarsi andare e perdere un po' la bussola, anche quella alimentare. Una buona strategia per scongiurare questo rischio è quella di pianificare il proprio menù settimanale: in questo modo sarà più semplice non cadere in "tentazione" e organizzare al meglio i tempi per cucinare. In tal senso, può essere utile anche pianifcare la spesa, in modo tale da avere in casa tutto ciò che occorre per il proprio menù settimanale.

 

Non mangiare davanti al pc

I pasti sono sacri, rappresentano il momento in cui mettiamo "benzina" nel nostro corpo, ma sono anche l'occasione sociale per eccellenza, anche in famiglia. Per questo, se possibile, il consiglio è di prendersi una pausa dal lavoro per mangiare, possibilmente condividendo il momento con i propri cari. In questo modo sarà come avere un appuntamento, un pretesto per mantenere un'alimentazione equilibrata e un ritmo regolare, senza farsi prendere eccessivamente dal lavoro.

Ultimo aggiornamento: 21:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA