“Cucinare al fresco”, dal carcere un libro di ricette coordinate dallo chef Cedroni per il cenone di Natale

Domenica 8 Dicembre 2019
I piatti delle festività di fine anno e i consigli per il cenone di Natale in un ricettario scritto dai detenuti delle carceri di Como, Varese e Milano (Bollate e Opera) insieme allo chef Moreno Cedroni, patron del ristorante La Madonnina del pescatore di Senigallia, due Stelle Michelin, di Anikò, sempre a Senigallia e del Clandestino sushi bar di Portonovo .

Arriva in libreria ''Cucinare al fresco - Christmas Edition'', il progetto avviato due anni in alcune carceri lombarde che vede proprio i detenuti alle prese coi fornelli, coordinati dalla giornalista e Pr comasca Arianna Augustoni. Una edizione da collezione, stampata in 150 copie e finanziato dalla Bcc di Cantù per una pubblicazione con 44 pagine di sensazioni, di pozioni magiche, di idee e soprattutto di fantasie culinarie proposte dai quattro gruppi di detenuti. 


«Apprezzo tantissimo - sottolinea lo chef Cedroni - l'uso del cibo come mezzo di riabilitazione, e perché no, come mezzo di reinserimento sociale con nuove passioni e nuovi obiettivi. Sono contento nel sapere che questo progetto vada oltre la ricetta e che questa passione è anche unita a nozioni tecniche su cotture e prodotti e su informazioni per una sana e corretta alimentazione, sempre più importante oggi. - continua Cedroni - In questo modo il cibo completerà un percorso che nutrirà sia il corpo che l'anima. Provo solo a immaginare i profumi che si svilupperanno il giorno di Natale, dove ci sarà il desiderio di preparare le ricette più buone e più evocative, chissà quante culture si intrecceranno, religioni diverse, ingredienti diversi, ma tutti accomunati dal valore del cibo. «Acquistare una copia di "Cucinare al fresco - Christmas Edition" rappresenta - conclude la coordinatrice del progetto Augustoni - un comportamento propositivo per credere che, nella vita, c'è sempre una seconda chance». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma