I chili in più? Un effetto collaterale della solitudine

Domenica 3 Maggio 2015
Mettere su peso potrebbe essere un effetto collaterale della solitudine. Le donne che sis entono cronicamente isolate sono più affamate e trovano i pasti abbondanti meno soddisfacenti.

E' quanto emerge da una ricerca degli psicologi della Ohio State University, pubblicata sulla rivista Hormones and Behaviour. Secondo gli studiosi ciò potrebbe dipendere dal fatto che una fame extra è un modo del nostro organismo per comunicarci che necessitiamo compagnia, un concetto rinforzato dal fatto che mangiare con l'evoluzione è sempre più diventata un'attività sociale.

Per la ricerca è satto chiesto a 42 donne di restare a digiuno per tutta la notte, offrendo poi loro al mattino dopo una ricca colazione. Il livello di fame è stato valutato misurando i livelli di grelina l'ormone della fame e alle partecipanti allo studio è stato chiesto anche di rispondere a un questionario sulla solitudine, chiedendo quanto si sentissero sole e quanto gli altri le percepissero tali.

Come previsto, i livelli di grelina sono diminuiti dopo aver mangiato e poi hanno iniziato nuovamente ad aumentare: tuttavia, l'aumento era molto più rapido nelle donne sole, che risultavano avere più fame, anche a fronte di una colazione abbondante.

Dall'analisi è emerso inoltre che il legame stretto tra la solitudine e un forte apeptito riguardava quasi unicamente le donne magre, mentre gli effetti erano blandi o del tutto inesistenti in quelle in sovrappeso e gli studiosi vogliono ora capire perché. Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 18:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA