Carbonara day, pancetta o guanciale? Ecco i segreti del piatto simbolo di Roma

Il 6 aprile un evento speciale organizzato da Golocius a Milano, Roma e Napoli per festeggiare la ricetta più amata della tradizione

Carbonara day, pancetta o guanciale? Ecco i segreti del piatto simbolo di Roma
4 Minuti di Lettura
Martedì 5 Aprile 2022, 13:43 - Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 09:55

È tutto pronto in Italia e nel mondo per festeggiare oggi 6 aprile il Carbonara Day; una giornata che, come da tradizione porterà alla ribalta uno dei piatti italiani più conosciuto ed apprezzati al mondo, oltre che simbolo della tradizione di Roma

Un piatto che fa della semplicità e del gusto genuino i suoi punti di forza; semplicità che non vuol dire affatto facilità perché per fare una carbonara a regola d’arte ci vogliono innanzitutto gli ingredienti e poi bisogna essere capaci di amalgamarli al meglio.

Carbonara Day: leggende e segreti del piatto più amato di Roma

Il Carbonara Day vedrà protagoniste tre realtà che fanno del mangiare bene la loro regola: ed è così che Matteo Di Cola di ItalyFoodPorn, CarboGang e Golocius uniscono le forze per celebrare assieme a tutti noi questo inimitabile piatto della tradizione romana.

Carbonara che gode di assoluta popolarità e che, come un’autentica star, è portatrice anche di alcuni misteri. Sono infatti un paio le maggiori teorie riguardo la sua nascita; una sostiene come la carbonara sia una sorta di evoluzione della “Cacio e pepe” in quanto nata grazie ai carbonari che portavano gli ingredienti principali della ricetta nei propri tascapani. L’altra teoria è che sia nata per mano di uno sconosciuto cuoco il quale, durante la Seconda Guerra Mondiale, utilizzò bacon e uova dei soldati americani per condire la pasta.

Pancetta o guanciale? 

Ma i misteri non si esauriscono qua poiché è risaputo come sia abituale argomento di scontro nelle nostre cucine l’utilizzo della pancetta o del guanciale. Ad onore del vero nelle prime edizione la carbonara veniva preparata usando sempre e solo la pancetta fino a quando, a metà degli anni ’60, per merito di Luigi Carnacina e Luigi Veronelli, viene usato come migliore alternativa il guanciale. Scelta la loro che viene anche statuita ne “La Grande Cucina”.

Ma anche la panna ha destato non poche diatribe: i due mostri sacri della cucina di cui sopra ne contemplano “qualche cucchiaiata, di quella freschissima e molto cremosa”. Panna e carbonara di cui si fece portavoce anche l’illustre Renato Rascel il quale, da romano DOC quale era, si riteneva portatore della tradizione capitolina e quindi aggiungeva anche un po’ di panna. L'uso della panna affonda le radici nel periodo storico in cui nasce la carbonara ovvero nel secondo Dopoguerra quando le uova usate erano spesso in polvere (erano quelle delle razioni americane) e così vi era la necessità di una parte liquida e grassa per dare la giusta consistenza. O forse, e qui arriva un’altra teoria, perché i gastronomi di quel tempo guardavano con ammirazione i colleghi d’Oltralpe che usavano più la panna che noi latini.

Il programma di Golocius a Milano, Roma e Napoli per festeggiare il Carbonara Day

Dove gustarla? Se volete andare sul sicuro seguite l’evento di Golocius a Milano, Roma e Napoli in cui assieme ai ragazzi di ItalyFoodPorn e Carbogang potrete gustare la vera carbonara come regola d’arte impone. Per l’occasione, tra l’altro, verrà anche offerto un menu speciale, al costo di 50 euro per due persone, comprensivo di: 2 tranci di pizza carbonara, 1 frittata alla carbonara, 1 Sbamburger®️ alla carbonara, 2 rigatoni alla carbonara e 2 soft drink.

Non resta allora che attendere il 6 aprile per addentare queste squisitezze che vedono la carbonara ancora e sempre più protagonista anche presso giovani esperti di cucina quali i ragazzi di ItalyFoodPorn capitanati da Matteo Di Cola e di Carbogang i quali apprezzano e vi faranno gustare al meglio questo autentico gioiello culinario del “made in Italy” di nome “Carbonara”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA