Chieti, abusi sessuali su una 12enne: indagato lo zio

Chieti, abusi sessuali su una 12enne: indagato lo zio
2 Minuti di Lettura
Sabato 7 Ottobre 2017, 10:15

È accusato di violenza sessuale su minore. Un uomo di 33 anni è indagato dalla Procura di Chieti per un reato infamante: a denunciarlo è stata la nipote di 12 anni, che ha raccontato ai familiari le perverse attenzioni dello zio, sfociate poi in abusi. L’inchiesta sul presunto caso di pedofilia, coordinata dal pubblico ministero Marika Ponziani, è condotta dalla Squadra mobile teatina. I fatti si sono verificati in una casa alle porte di Chieti, dove il trentatreenne vive con gli anziani genitori, ovvero i nonni della adolescente. Il nome dell'uomo che ha ricevuto l'avviso di garanzia, difeso dall'avvocato Maria Domenica Porreca, deve restare segreto per tutelare l’identità della vittima.

La ragazzina si è confidata con i familiari dopo l'episodio più grave, avvenuto qualche mese fa. I genitori erano impegnati fuori città per qualche giorno e, per evitare di lasciare la dodicenne da sola a casa, l'hanno accompagnata nell'abitazione dei nonni. Mai avrebbero immaginavano che la loro figlia minore sarebbe piombata in un incubo senza fine. Un incubo, che la segnerà per sempre, cominciato quando i nonni sono usciti dall'appartamento per alcune commissioni. Lo zio si è avvicinato alla ragazzina, che si trovava sulla poltrona, e l'ha baciata sulla bocca. Poi ha iniziato a toccarle le parti intime. La studentessa è rimasta profondamente turbata e, quasi subito, ha raccontato quei minuti terribili alla sorella maggiore. Successivamente anche i genitori sono venuti a conoscenza delle violenze subite dalla figlia e si sono rivolti immediatamente alla Questura di Chieti, presentando una denuncia scritta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA