Post sui social: «Grande serata con l'orchestra, venite numerosi». Blitz della polizia: stop alla festa nel circolo

Post sui social: «Grande serata con l'orchestra, venite numerosi». Blitz della polizia: stop alla festa nel circolo
di Giuseppe Ritucci
3 Minuti di Lettura
Martedì 18 Gennaio 2022, 09:38 - Ultimo aggiornamento: 10:10

È stato l’intervento della polizia, sabato scorso, a interrompere la serata in corso in un circolo privato della città. I rafforzati controlli sul territorio, disposti dal questore Annino Gargano, hanno visto gli agenti del commissariato di Vasto, in provincia di Chieti,  impegnati nel verificare il rispetto delle attuali norme anti-Covid. L’attenzione degli uomini agli ordini del vice questore aggiunto Fabio Capaldo è stata richiamata «da un locale della città che, per la serata di sabato scorso, aveva organizzato un evento danzante con la presenza di un’orchestra», spiega il dirigente del commissariato. Nei giorni precedenti l’appuntamento, «sui social si invitavano i vastesi a partecipare numerosi, nonostante la normativa vigente preveda la sospensione fino al 31 gennaio».

Covid, cento no vax tra medici e infermieri alla Asl di Teramo

IL BLITZ Dopo aver preso atto dalle attività di pubblicità online dell’appuntamento, il personale della polizia di Stato si è recato sabato sera nel locale, e «ha trovato una cinquantina di persone che consumavano la cena e una decina erano intente a ballare - riferisce Capaldo -. L’attività controllata è risultata giuridicamente inquadrata come circolo privato con licenza di somministrazione di bevande. La maggior parte dei presenti, invece, avevano pagato un biglietto di ingresso con contestuale tesseramento». Alla luce delle attuali disposizioni, il personale del commissariato di Vasto «ha disposto la chiusura del circolo per 5 giorni a partire dalla serata di sabato scorso». Il presidente del circolo ha ricevuto una sanzione di 400 euro «per violazione della normativa emanata per fronteggiare la diffusione del Covid-19». Oltre ai due provvedimenti emanati la vicenda potrebbe avere ulteriori sviluppi coinvolgendo anche le persone che sabato sera stavano partecipando all’appuntamento musicale. «Sono in corso ulteriori accertamenti - annuncia il vice questore aggiunto Capaldo - al seguito dei quali potranno essere contestate ulteriori sanzioni amministrative fino a 5.000 euro anche nei confronti dei tesserati la sera stessa». Le possibili sanzioni riguardano le modalità d'iscrizione e accesso ai circoli privati, così come regolamentati dalla legge. Dall’inizio dell’anno, su impulso del questore Gargano, vengono effettuati controlli specifici sul territorio per il rispetto delle norme anti-Covid, anche nelle attività in cui è richiesto il green pass sia per i lavoratori che per i clienti, con particolare attenzione a quanto accade durante il fine settimana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA