Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Primo caso di vaiolo delle scimmie: contagiato un 40enne della provincia di Teramo tornato da un viaggio in Spagna

Primo caso di vaiolo delle scimmie: contagiato un 40enne della provincia di Teramo tornato da un viaggio in Spagna
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Luglio 2022, 19:47 - Ultimo aggiornamento: 21:41

Rilevato il primo caso in Abruzzo di vaiolo delle scimmie.  E’ stato confermato dall'assessorato alla Sanità. Si tratta di un 40enne della provincia di Teramo, di ritorno da un viaggio in Spagna. «La conferma dell’infezione è arrivata dalle analisi eseguite nel laboratorio di microbiologia e virologia dell’ospedale di Pescara, individuato quale centro di riferimento regionale dal Servizio prevenzione sanitaria del dipartimento sanità della Regione - dice una nota della Regione - L’uomo è ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Teramo ed è sottoposto allo specifico protocollo di profilassi sanitaria».

L’assessorato alla Sanità ha attivato tutte le procedure di intervento per la Monkeypox già dallo scorso maggio, inviando alle Asl le linee guida ministeriali e provvedendo all’individuazione del laboratorio di riferimento regionale. L’ultima ordinanza del Ministero della Salute è stata pubblicata ieri in Gazzetta Ufficiale e prevede che sia il medico di medicina generale a segnalare, entro 12 ore, il caso sospetto alla Asl competente per territorio. Sarà poi la Asl a disporre i necessari accertamenti diagnostici e ad inserire, entro le successive 24 ore, i dati sanitari sulla piattaforma Prema

© RIPRODUZIONE RISERVATA