CORONAVIRUS

Covid, l'Università di Chieti concede all'Asl 17 letti per la terapia sub intensiva

Mercoledì 8 Aprile 2020
Covid, l'Università di Chieti concede all'Asl
17 letti per la terapia sub intensiva

L’università D’Annunzio di Chieti Pescara, ha deciso di concedere in uso gratuito alla Asl Lanciano Vasto Chieti di 17 letti ospedalieri per terapia sub-intensiva, completi di testiera e di sistema di monitoraggio e ciò al fine di aumentare la dotazione della terapia intensiva dei presidi ospedalieri della stessa Asl.

La concessione avrà una durata di nove mesi, prorogabile su richiesta della Asl fino al termine dello stato di emergenza, salvo successivi provvedimenti da emanarsi a seguito di disposizioni adottate dalle competenti autorità governative. La decisione di concedere in uso gratuito temporaneo i letti alla Asl è stata adottata in via d’urgenza, così come prevede lo Statuto di ateneo, direttamente dal rettore, Sergio Caputi.

«In un momento come questo, mi è sembrato doveroso - spiega Caputi - nello spirito di collaborazione che ha sempre contraddistinto i rapporti tra Università e Asl mettere a disposizione del Sistema sanitario regionale, attraverso la Asl 2, una dotazione di tale importanza che avevamo in nostro possesso. Ho adottato questa decisione il più rapidamente possibile, nel rigoroso rispetto della normativa vigente, affinché si potesse consentire alla Asl 2 di potenziare la propria capacità di assistenza ed accoglienza in questa particolare occasione. Faremo tutto ciò che ci è possibile - conclude Caputi - per mettere a disposizione del sistema sanitario e della popolazione le competenze, le strutture e i servizi utili alla risoluzione dell’emergenza sanitaria in atto». 
Coronavirus, in Abruzzo torna a crescere la curva dei contagi: 78 nuovi, totale a 1.799
Università Chieti, lezioni sportive virtuali per tenersi in forma
Docente di Chieti: «Ora a rischio muscoli e ossa con sarcopenia perdita massa e forza muscolare»

 

Ultimo aggiornamento: 11:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani