Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucciso dal fratello con il rullo da imbianchino: fatale un'emorragia cerebrale

Matteo Giansalvo, la vittima
1 Minuto di Lettura
Venerdì 22 Gennaio 2021, 08:32

Il colpo ricevuto alla testa ha determinato, oltre alla frattura del cranio, l'emorragia cerebrale e la morte è conseguenza della stessa emorragia. È quanto si apprende all'esito dell'autopsia su Matteo Giansalvo,
il 18enne di Miglianico (Chieti) morto nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Pescara dove era stato ricoverato in condizioni disperate domenica nel primo pomeriggio.

Il ragazzo era stato colpito alla testa con un rullo per dipingere dal fratello Giuseppe, 21 anni, durante una lite. L'esame autoptico, disposto dal sostituto procuratore della Repubblica di Chieti, Giancarlo Ciani, è durato oltre cinque ore ed è stato eseguito dal medico legale professor Cristian D'Ovidio che si è riservato 60 giorni di tempo. Quanto al mezzo lesivo, alle misurazioni che vengono effettuare in casi del genere durante l'autopsia, si aggiungeranno ulteriori valutazioni multidimensionali alla Tac.


Per la morte di Matteo, si trova agli arresti domiciliari il fratello, accusato di omicidio volontario aggravato. I funerali di Matteo Giansalvo si terranno sabato prossimo, alle ore 10, nella chiesa di San Rocco a Miglianico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA