Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Turista aquilano muore in mare, l'amico non riesce a salvarlo

Turista muore in mare, l'amico non riesce a salvarlo
di Tito Di Persio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Luglio 2022, 08:22

Turista aquilano accusa un malore mentre nuota a un centinaio di metri dalla costa. Soccorso muore durante il trasporto in ospedale. Ad uccidere D’Agostino Sante, 72 anni, una probabile congestione digestiva. Il dramma si è consumato ieri pomeriggio alle 15.40 davanti lo stabilimento Hermitage a Silvi Marina.

L’uomo era arrivato da alcuni giorni in vacanza sulla costa teramana con la famiglia e pernottava in hotel della zona. Ieri pomeriggio insieme ad un amico, aveva deciso di non fare il riposino quotidiano, ma di andare direttamente in spiaggia. Dopo, i due amici, molto probabilmente a causa del gran caldo che attanaglia la zona in questi giorni con una temperatura di 34 gradi all’ombra, hanno deciso di farsi un bagno e due bracciate per darsi una rinfrescata e poi tornare a prendere la tintarella.

Ma a circa cento metri dalla costa il 72enne ha iniziato a sbracciare ed è andato sott’acqua. l’amico ha cercato di tirarlo su e urlando ha attirato l’attenzione dei guardaspiaggia. Due bagnini si sono tuffati e l’hanno riportato a riva. Una volta sul bagnasciuga hanno iniziato a fare tutto il possibile per rianimarlo. Nel contempo il titolare dello chalet aveva allertato i soccorsi. Sul posto è arrivata un’ambulanza base da Silvi e una medicalizzata da Roseto. Il personale sanitario prendendo il posto dei bagnini hanno iniziato con il massaggio cardiaco.

Visto che non aveva effetto sono passati al defibrillatore, ma niente. Infine hanno provato con un’'iniezione intracardiaca di adrenalina e l’anziano ha ripreso i sensi. A quel punto è stato caricato in ambulanza per essere trasportato all’ospedale di Atri. Purtroppo è deceduto durante il trasporto ed è stato quindi portato all’obitorio dello stesso nosocomio. Il pm di turno Davide Rosati al momento non ha firmato l’autorizzazione per la restituzione della salma alla famiglia che resta a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sul luogo è intervenuta la Capitaneria di Porto di Giulianova per tutti i rilievi del caso. I militari, stando a quanto si apprende, nelle prossime ore dovranno riascoltare l’amico che stava nuotando con lui. E’ il terzo decesso il mare in tre settimane tra Silvi e Pineto

© RIPRODUZIONE RISERVATA