La donna con il trolley giallo staziona da giorni sulla statale: «Aspetto una persona»

La donna con il trolley La donna con il trolley giallo staziona da giorni sulla statale: «Aspetto una persona»
di Michele Narcisi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Gennaio 2021, 10:52 - Ultimo aggiornamento: 10:54

Sta diventando un caso molto serio quello della giovane donna, di origini polacche, che staziona da giorni in un tratto della Statale 16, nella zona Nord di Tortoreto Lido. Se fino a pochi giorni fa c’erano state solo delle segnalazioni fatte da chi si trova a passare sulla Nazionale, tra il Lido ed Alba Adriatica, adesso, con l’arrivo del freddo pungente, la preoccupazione di molte persone è per la salute della donna, che non vuole andarsene da quel luogo, dove - ha detto a chi è riuscito ad avvicinarla- «deve arrivare una persona che le porti dei soldi». E che, verosimilmente, la conduca a casa.

Pescara, nudo si lava in spiaggia e stende i panni al sole

La donna è riconoscibile anche perchè porta con sè un trolley giallo, che le serve pure per custodire un po’ di spesa che fa per sopravvivere. La vicenda è al vaglio dei servizi sociali del Comune di Tortoreto, in provincia di Teramo. E di quello dei vigili urbani, che hanno avvicinato la donna chiedendole qualcosa della sua vita, esortandola ad abbandonare quella vita randagia e pericolosa, adesso che è entrato l’inverno in modo particolare, per la sua vita. Ma fin qui a nulla sono valse le raccomandazioni e i solleciti tesi a non vivere ai bordi della Statale 16, senza nessun riparo. La triste storia della donna polacca, che rimanda al libro di Dino Buzzati, “Il Deserto dei Tartari”, dove il protagonista attende chi non arriverà mai, sta suscitando preoccupazione e pena sia sul web, sia da parte di chi si trova a transitare, sulla Nazionale Adriatica. Tra questi l'avvocato di Corropoli, Danilo Consorti. «Mi si stringe il cuore - ha detto- nel vederla di notte, infreddolita, girovagare con il suo trolley. Mi chiedo cosa aspetti il sindaco Domenico Piccioni, uomo sensibile e solidale, ad intervenire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA