Chieti, morta 17enne in auto: sui social l'ultimo selfie con gli amici prima dell'incidente

Lunedì 19 Ottobre 2020
L'ultimo selfie con gli amici poi lo schianto, addio a Sara: voleva fare il capitano di nave

L'ultimo selfie con gli amici postato su Instagram poco prima dello schianto. Quattro ragazzi che condividono il loro stato d'animo, sorrisi, voglia di stare insieme, spensieratezza da sabato sera. La vita di Sara Favia, 17 anni, di Termoli e un futuro pieno di sogni, si è spezzata su una rotatoria poco illuminata, nel comune di San Salvo, in provincia di Chieti,  dove in passato si sono già verificati incidenti mortali. Centinaia i messaggi di addio sui profili  Facebook e Instagram della ragazza che brillava per entusiasmo, voleva diventare capitano di nave e cantava in un coro femminile. In un video la si vede interpretare "Eye in the sky" su un romatico trabocco, tipico della costa di Vasto, tra Abruzzo e Molise.

Sabato sera Sara Favia era uscita con gli amici  di sempre, la ragazza viaggiava sul sedile posteriore della Fiat Panda condotta da un 18enne (F.S.) e insieme c'erano un altro ragazzo e una ragazza. Poco prima  delle 21 l'auto ha tagliato la rotatoria sulla Statale 16 a San Salvo Marina per poi finire contro il pilastro del sovrappasso pedonale (chiuso da tempo) e la ringhiera. Per la 17enne, che era sul sedile posteriore proprio dal lato del pilasro, non c'è stato scampo. Ricoverata in prognosi riservata l'amica. I.L. 18enne. 

Incidente alla rotatoria: muore ragazza di 17 anni di Termoli, feriti tre amici

Quella sulla Fiat Panda era solo una parte della comitiva che stava andando da Termoli  a Vasto, un'altra auto di amici era a poca distanza. La 17enne studiava all'Istituto Nautico "Boccardi-Tiberio" di Termoli e faceva parte del coro "Punto di valore". La scuola ieri l'ha salutata così: «Non ci sono parole quando una giovane vita viene spezzata, quando negli occhi e nel cuore abbiamo ancora Sara, il suo viso, la freschezza dei suoi anni. Chi l'ha conosciuta sa con quanto entusiasmo Sara andasse incontro alla vita. Il suo sogno...diventare capitano di una nave. E ci sarebbe riuscita...Sara. Minuta ma forte, ancora ragazza, ma con una maturità e una determinazione quasi da adulta. Sapeva essere amica dei suoi compagni, ma anche gestire le relazioni con il mondo dei grandi. Abbiamo avuto la fortuna di conoscerti e non ti dimenticheremo. Nel nostro cuore rimarranno sempre il tuo sorriso e il tuo dolce viso. Le nostre preghiere ti accompagneranno sempre. Speriamo che possano rendere più lieve questo tuo ultimo viaggio e dare un pò di conforto ai tuoi cari. Un abbraccio dalla "tua" scuola».

 

Anche il maestro di canto, Alessandro Di Palma l'ha voluta ricordare con un post su Fb: «Era difficile fermarti, un treno in corsa, sempre pronta ad aiutare il gruppo, e me, con il coro Erato prima e Punto di Valore dopo. Ti conoscevo da anni. Ciao piccola Sara. Mi raccomando, fai cantare tutti anche là».

In forte stato di choc il ragazzo alla guida, F.S. 18 anni, che ha riportato un trauma cranico e una contusione al ginocchio: è stato iscritto sul registro degli indagati dalla Procura di Vasto per omicidio stradale e, come da prassi,ed è stato sottoposto ai test per accertare se avesse assunto alcol o stupefacenti. L'autorità giudiziaria non ha ritenuto necessaria l'autopsia. 

 

Ultimo aggiornamento: 16:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA