Teramo, la principessa Soraya d'Afghanistan in città: parlerà alle studentesse universitarie

Teramo, la principessa Soraya d'Afghanistan in città: parlerà alle studentesse universitarie
di Daniela Facciolini
2 Minuti di Lettura
Martedì 21 Settembre 2021, 08:02 - Ultimo aggiornamento: 15:42

La principessa afghana Soraya Malek oggi a Teramo. La nipote dell’ultimo re d’Afghanistan Amanullah Khan e della regina Soraya Tarzi incontrerà il sindaco Gianguido D’Alberto, il rettore dell’Università degli Studi Dino Mastrocola e la stampa nell’ambito dell’iniziativa “Tull quadze/Tutte ledonne”.

La principessa, nota per essere un’attivista a favore dei diritti umani, attraverso “Soraya d’Afghanistan Foundation”, da anni è impegnata a promuovere il lavoro e la dignità delle donne afghane, sostenendo iniziative che coinvolgono l’artigianato femminile d’eccellenza. L’incontro teramano è organizzato dal Centro di cultura delle donne “Hannah Arendt”, in preparazione della manifestazione nazionale “La voce delle donne per prendersi cura del mondo”, indetta dalla Casa Internazionale delle Donne, che si svolgerà a Roma il prossimo 25 settembre. Il tour teramano di Soraya prevede nel pomeriggio alle ore 17:00 l’inaugurazione, con il taglio del nastro in corso San Giorgio, della Mostra di impegno civile per la libertà e la dignità delle donne afghane: quattordici artiste e artisti esporranno nelle vetrine dei principali negozi del Corso.


Domani, mercoledì 22 Settembre, invece, alle ore 10.30, nella Sala Conferenze dell’Università, Soraya Malek terrà un incontro con le studentesse e gli studenti delle Scuole Superiori e dell’Ateneo dal titolo “La condizione delle donne afghane: la loro storia, la loro cultura”. La principessa sarà accompagnata da Arif Oryakhail, il medico della cooperazione italiana a Kabul, arrivato con l'aereo dei diplomatici italiani a Roma e che risponderà alle domande degli stessi studenti sulla presa di Kabul, il caos, le violenze, la fuga in massa dalle città.


L’evento è patrocinato dal Comune, dall’Università, dalla Casa Internazionale delle Donne, dall’AFFI (Associazione Federativa Femminista Internazionale), dal giornale NOIDONNE come Media-partner.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA