Imbraccia il fucile per la caccia al cinghiale e si spara: «Voglio farla finita»

Imbraccia il fucile per la caccia al cinghiale e si spara: «Voglio farla finita»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Febbraio 2021, 15:21 - Ultimo aggiornamento: 15:31

Si prepara per andare a lavoro in campagna quando imbraccia il fucile e si spara. Tentato suicidio oggi a Colledara, piccolo paese in provincia di Teramo. Un trentaseienne del posto, quasi in preda a un raptus, ha preso un fucile calibro 12, legalmente detenuto ed avuto in eredità, è andato nell’area retrostante l’abitazione e si è sparato un colpo con un fucile a palla unica, del tipo usato per la caccia ai cinghiali.

Giulia giù dal viadotto, la mamma scrive a Papa Francesco: «E' stato un omicidio, ci aiuti»

I familiari, che erano in casa, sentita l’esplosione sono usciti immeditamente fuori casa ed hanno trovato il 36ienne riverso per terra in un lago di sangue, tra atroci dolori diceva: «Voglio farla finita». Sono stati subito allertati i soccorsi, sul posto è intervenuta un'ambulanza del 118 che dopo aver stabilizzato l'uomo, lo ha trasferito al pronto soccorso dell’ospedale di Teramo, dove è stato ricoverato: è in pericolo di vita. I carabinieri di Tossicia stanno indagando sui motivi del gesto e l'esatta dinamica. L'arma è stata sequestrata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA