Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sparatoria al bar, Cavallito trasferito all'ospedale Gemelli

Sparatoria al bar, Cavallito trasferito all'ospedale Gemelli
di Paolo Vercesi
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 10:34

Luca Cavallito ha lasciato l'ospedale Santo Spirito di Pescara per un trasferimento urgente al Gemelli di Roma. La comunicazione è stata diffusa ieri pomeriggio, unitamente alla revoca della sorveglianza della polizia in ospedale. Scelta, questa, che pone interrogativi sulla base di due aspetti: quello sanitario e quello della sicurezza del paziente scampato ai colpi di pistola sparati dal killer lo scorso primo agosto al Bar del Parco. Colpi che hanno invece freddato l'amico Walter Albi, architetto 66enne che era seduto al suo fianco. Sottoposto finora a sei interventi chirurgici, l'ultimo al volto per la ricostruzione della mandibola, Luca Cavallito, 49 anni, sarebbe stato trasferito per complicazioni epatiche.


La direzione della Asl è stata informata del trasferimento a cose fatte e si è limitata a darne conferma. Il nome del nuovo ospedale è rimasto top secret solo per poco. Di sicuro la gravità delle condizioni di Cavallito impone per lui l'esigenza di cure e di assistenza al livello più alto che l'ospedale Padre Agostino Gemelli è in grado di assicurare ma il suo fisico - benchè forte al punto da consentirgli di continuare a lottare per la vita - potrebbe aver rischiato non poco nell'affrontare il viaggio fino alla struttura sanitaria della capitale.

Nondimeno c'è tutto un protocollo da rispettare per garantire la massima sicurezza a colui che, in quanto superstite, al momento è e resta l'unico soggetto in grado di dare una spiegazione alla mattanza del Bar del Parco e soprattutto e a poter mettere gli inquirenti sulla pista giusta per identificare e magari acciuffare il killer e risalire al mandante. Killer che non ha completato il lavoro e che continua a rappresentare una minaccia anche adesso che Cavallito ha cambiato struttura. Già il giorno stesso del grave fatto di sangue si raccontò di un uomo andato in ospedale ad informarsi sulle condizioni del ferito. Parlava con accento napoletano e si sarebbe allontanato in fretta nel momento in cui si è trovato di fronte al personale della Rianimazione. Va da sè che la sorveglianza revocata in ospedale a Pescara sarà già stata attivata nella struttura che ha accolto ieri Cavallito, ospite che necessita della massima protezione.


I magistrati della procura che si occupano del caso, leggi il procuratore capo Giuseppe Bellelli, l'aggiunto Annarita Mantini e il sostituto Andrea Di Giovanni, continuano a scavare con l'aiuto degli esperti nelle memorie e nelle sim card del telefonino di Albi e dei diversi dispositivi recuperati nell'abitazione di Cavallito. E' da quei dati memorizzati che potrebbe uscire un dettaglio illuminante per fare piena chiarezza su una vicenda che lascia aperte troppe piste, legate presumibilmente a uno sgarro di natura economica, a un progetto finito male ovvero mai iniziato e che ha procurato un danno tanto ingente quanto intollerabile per chi, dietro le quinte, muoveva i fili dell'operazione finanziaria. Un errore cui Cavallito e Albi speravano di poter porre rimedio in qualche modo ma che per loro si è invece rivelato fatale. L'azione del killer al Bar del Parco è l'esecuzione di una sentenza di morte, forse anche allo scopo di lanciare un segnale inequivocabile sulla piazza pescarese controllata dal crimine di un livello finora sconosciuto. Un rompicapo nel quale non sarà facile individuare il mandante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA