Francavilla, prende il sole nudo:
nei guai un balneatore 60enne

Il gestore di uno stabilimento balneare di Francavilla al Mare (Chieti), che prendeva il sole in spiaggia completamente nudo, è stato denunciato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Chieti per atti contrari alla pubblica decenza. L'uomo disteso su una sdraio posizionata sulla riva, e pur in presenza di numerosi bagnanti, bambini compresi, si era completante spogliato. Sono stati alcuni genitori dei bambini presenti ad allertare i Carabinieri e a quel punto l'uomo, un 60enne non nuovo ad episodi del genere, forse avvisato da qualcuno, si è alzato ed ha indossato una maglietta per poi dirigersi verso una cabina e indossare il costume da bagno che aveva in mano. Tuttavia da lontano la maglietta lasciava intravedere distintamente le natiche e così, sorpreso in flagranza dai carabinieri che a Francavilla sono presenti con un ingente presidio nei periodi estivi, il 60enne si è giustificato dicendo che lui non stava facendo nulla di male, che si trovava nel proprio stabilimento balneare e che se fosse arrivato qualcuno si sarebbe immediatamente rivestito. Numerosi bagnanti però hanno raccontato ai carabinieri che l'uomo era disteso in costume adamitico già da diverso tempo e che ad intervalli regolari si alzava senza rivestirsi.
Martedì 10 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 09:35

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-07-10 12:20:00
Ho letto l'articolo e ritengo che il balneatore sorpreso nudo sulla spiaggia a Francavilla e denunciato per “atti contrari alla pubblica decenza” non abbia commesso questo reato. Premetto che io non l'avrei fatto perchè mancherebbe il rispetto del prossimo che deve sapere dove viene praticata la nudità integrale e dove invece è tradizionalmente usato il costume. Certtamente un comportamento ,quello del balneatore scorretto ma non un reato perchè la legge italiana punisce gli “atti” come fare la pipì in pubblico e non lo “stato”. Stare nudi non è previsto dal nostro codice come reato e se capitasse a me farei ricorso anche sino alla Corte di Giustizia dell'Unione europea.
QUICKMAP