CORONAVIRUS

Coronavirus, il sindaco di Chieti: obbligo mascherine

Mercoledì 8 Aprile 2020
A Chieti il sindaco Di Primio obbliga le mascherine in città

Il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, ha firmato l’ordinanza che obbliga i cittadini a indossare mascherine o altri sistemi di protezione della bocca e del naso, come sciarpe, foulard o simili, se ci si reca in uffici pubblici, uffici postali, istituti di credito, esercizi commerciali, farmacie e parafarmacie e in ogni altro luogo chiuso in cui è previsto l’accesso generalizzato di persone.

Il provvedimento è stato adottato anche in vista delle imminenti festività pasquali «durante le quali - si legge in una nota del Comune - è prevedibile una maggiore presenza di persone negli uffici e nelle attività commerciali, per non vanificare le azioni e le misure adottate sinora per il contenimento del Coronavirus e fronteggiare adeguatamente possibili situazioni di pregiudizio per la collettività».

In base all’ordinanza i responsabili degli uffici e i titolari degli esercizi commerciali dovranno garantire, altresì, le misure per il contenimento del contagio da Covid 19 e in particolare la distanza interpersonale di almeno un metro, l’accesso nei locali a un solo componente del nucleo familiare, salvo comprovati motivi di assistenza. La sanzione amministrativa prevista in caso di violazione va da 400 a 3.000 euro. 
Coronavirus, in Abruzzo torna a crescere la curva dei contagi: 78 nuovi, totale a 1.799

Ultimo aggiornamento: 10:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani