Il sindaco si accascia sulla scrivania e muore in Municipio in Val di Sangro

Il sindaco si accascia sulla scrivania e muore in Municipio in Val di Sangro
di Walter Berghella
2 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Dicembre 2021, 21:19 - Ultimo aggiornamento: 22:28

Il sindaco di Fallo (Chieti), Alfredo Pierpaolo Salerno, 55 anni, è morto, molto probabilmente a causa di un infarto, mentre al lavoro in Municipio. 

Ha accusato un malore e si è accasciato sulla sua scrivania. Una signora delle pulizie, impegnata in altri uffici, ha sentito dei lamenti ed è subito accorsa, ma l’ha trovato esanime. Allertato il 118, i sanitari hanno provato lungamente a rianimarlo, senza esito.

L'allarme della donna delle pulizie

Salerno era stato eletto sindaco del comune di 121 abitanti il 10 giugno 2018 con la lista civica Fallo in Movimento. Un vero plebiscito la sua elezione col 77,3% dei consensi.

La salma del sindaco è stata poi portata all’ospedale di Chieti per l’effettuazione di un esame cadaverico esterno disposto dalla procura di Lanciano. Sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Lanciano, coordinati dal tenente colonnello Vincenzo Orlando, e gli uomini della stazione di Quadri.

La tragedia ha lasciato sgomenti tutti i numerosi colleghi sindaci frentani che hanno prontamente espresso cordoglio. Messaggi di cordoglio sono arrivati anche dal sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, dall’assessore regionale, Guido Quintino Liris e dalla consigliera regionale del M5s, Sara Marcozzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA