TERREMOTO

Il video del ministro Fioramonti: «Inaccettabile scuole non ricostruite all'Aquila»

Mercoledì 2 Ottobre 2019 di Marianna Galeota

L'AQUILA - «Ridateci il futuro che passa per le scuole sicure». E’ il messaggio che Tommaso Cotellessa, rappresentante d’istituto del Liceo Cotugno ha portato in rappresentanza di tutta la comunità studentesca, al ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti in occasione del tavolo dell’altro ieri convocato con le istituzioni locali e con i comitati per affrontare il problema della mancata ricostruzione delle scuole.

Un messaggio forte che il ministro ha raccolto con favore, impegnandosi a velocizzare gli iter degli appalti per la ricostruzione degli edifici scolastici. «Forse, questa volta, il vento sta cambiando dopo 10 anni – spiega Cotellessa – E’ il primo tavolo, trasparente e partecipato, convocato da un ministro che ha ascoltato anche noi studenti che abbiamo vissuto 10 anni dentro ai moduli provvisori. Si è parlato tanto di burocrazia che blocca la ricostruzione, ma non ci si può dimenticare della quotidianità che vivono i ragazzi e io ho avuto l’opportunità di portare la voce degli studenti, cosa non scontata. La scuola in questi anni è stata presidio sociale e abbiamo bisogno che le venga riconosciuta questa funzione. Il ministro ha dimostrato grande interesse a risolvere la situazione e di essere in grado, a mio parere di fare scelte coraggiose, ma con criterio (guarda il video).
 


Non si può infatti costruire male per ricostruire velocemente». Le scuole non sono edifici pubblici qualsiasi, specifica Cotellessa, «e non si possono chiudere se c’è un sisma. Dovrebbero essere luoghi sicuri dove cercare riparo in caso di terremoto. Se vogliamo costruire un futuro solido, dobbiamo costruire un scuole solide anche per dare un messaggio ai giovani».

A tenere banco, in questi giorni, anche il recente piano di dimensionamento scolastico, fortemente criticato da Silvia Frezza, della commissione Oltre il Musp e dal capogruppo del Pd in Consiglio comunale Stefano Palumbo.

Entrambi hanno infatti sottolineato come sia «numericamente sbilanciato a scapito di alcuni istituti comprensivi, penalizzando quelli più piccoli, soprattutto delle zone a Ovest della città come Sassa».

«Anche se questa mi sembra una polemica strumentale, sono aperto a un confronto con insegnanti e genitori. Credo che questo assetto, atteso da 10 anni, non penalizzerà assolutamente i piccoli istituti – afferma l’assessore alle Politiche educative e scolastiche Francesco Bignotti – L’ l’istituto comprensivo di Sassa perderà la primaria e l’infanzia di Pile, perdendo quindi solo questa quota numerica. Sotto i 600 l’istituto è sottodimensionato, in quel caso siamo a 720. Non andrà al sottodimensionamento e, secondo me, manterrà al contrario una certa identità territoriale perché tenere Sassa con Pile non aveva alcuna ratio, se non quella numerica. Il piano inoltre è stato rapportato con il piano di ricostruzione delle scuole. Possiamo attenerci all’edilizia attuale, pensando alla futuro, tenendo ben chiaro che nel piano dell’edilizia dove ci sono i tempi, tra gli edifici scolastici che verranno ricostruiti subito c’è solo la Mariele Ventre, mentre per le altre scuole ci vorranno almeno 4 anni, se va bene. Potevamo scegliere di non fare nulla, oppure di mettere L’Aquila al passo con i tempi guardando gli effetti di questa riorganizzazione, e riaggiornandola eventualmente a tra 4-5 anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma