Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pescara, schiaffi e morsi alla compagna davanti ai due figli piccoli: arrestato

Pescara, schiaffi e morsi alla compagna davanti ai due figli piccoli: arrestato
2 Minuti di Lettura
Martedì 15 Dicembre 2020, 08:55 - Ultimo aggiornamento: 13:17

Massacra di botte la compagna davanti ai due figli piccoli, facendola finire in ospedale. L'ennesimo episodio di violenza nei confronti di una donna si è consumato domenica a Pescara. Arrestato dalla polizia, intervenuta dopo la segnalazione di un vicino di casa, il compagno. Quando gli agenti della squadra volante sono arrivati sul posto, l'uomo stava urlando e minacciando la donna, che aveva sul volto e sul collo i segni della violenza che aveva appena subito. Nell'appartamento, a soqquadro, vi era una porta divelta e due bambini, figli della coppia, che piangevano terrorizzati.

La donna è stata subito soccorsa e trasportata al Pronto Soccorso dove è stata medicata per le contusioni multiple, lesioni al volto, collo, braccia e caviglie e poi dimessa con una prognosi di 15 giorni. Stando a quanto ricostruito, sarebbe stata aggredita e picchiata con calci, schiaffi, pugni e morsi, a seguito di una discussione per motivi futili. Dagli immediati accertamenti è venuto fuori che il compagno non era nuovo purtroppo a comportamenti violenti del genere. Già in passato, la vittima, a causa delle botte, aveva subito lesioni per le quali aveva presentato querela, poi però ritirata. Per questi motivi, nei confronti dell'uomo è scattato l'arresto. Arresto che il tribunale ha convalidato nella giornata di ieri, disponendo anche l'allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA