“Scherza col cuoco”/ Curare il corpo con cibi sani e gustosi: la nutraceutica ci aiuta

Domenica 22 Novembre 2020
Cibi nutraceutici

L’AQUILA “Una mela al giorno toglie il medico di torno”; “tre noci e un bicchier di vino fanno il sangue sopraffino”. Quante volte abbiamo sentito queste massime dalle nostre nonne, che già mostravano di conoscere i benefici di una alimentazione corretta ed equilibrata essenziale per la qualità della vita delle persone.


C’è una nuova disciplina scientifica, oggi, che dimostra inequivocabilmente che queste massime nascono da un principio di verità; si chiama “nutraceutica”: scienza che studia gli effetti degli alimenti sulla salute e che individua quali sono gli ingredienti alimentari che contengono elementi utili all’organismo umano.


Nutraceutica è un neologismo che nasce dalla crasi tra le parole “nutrizione” e “farmaceutica” coniato da Stephen de Felice nel 1989 e rappresenta la più moderna ed innovativa espressione della Scienza dell’alimentazione. Il consumo di elementi nutraceutici è vantaggioso per numerosi aspetti: previene l’insorgere di patologie cardiovascolari; ritarda il processo d’invecchiamento; rafforza il sistema immunitario; regola le funzioni intestinali. Inoltre il cibo contenente queste sostanze deve possedere determinate caratteristiche: deve essere reperito facilmente dal consumatore, non deve essere chimicamente sintetizzato, deve essere abitualmente presente sulle nostre tavole.


Le sostanze nutraceutiche sono normalmente derivate dalle piante, dagli alimenti e da fonti microbiche. Esempi di nutraceutici sono i probiotici, gli antiossidanti, gli acidi grassi polinsaturi (omega-3, omega-6), le vitamine e i complessi enzimatici. 


Vediamo quali sono le loro proprietà e dove si trovano alcuni tra i nutraceutici più diffusi: l’olio extra vergine svolge una funzione antiossidante; pomodori, limoni, arance, kiwi contengono vitamina C e migliorano il metabolismo, il sistema nervoso e immunitario antiossidante e accrescono l’assorbimento del ferro; avena e orzo, contengono riducono il colesterolo e il glucosio nel sangue; il grano riduce il gonfiore; uva, avena, zenzero, pomodori e mandorle contengono melatonina che aiuta a prendere sonno; il pesce azzurro contiene Omega 3 e riduce il colesterolo, migliora la funzione cerebrale, la vista e la funzione cardiaca; broccoli, cavolfiori e olive riducono il colesterolo; il frumento riduce il glucosio; uova, caviale e soia accelerano il metabolismo dei grassi e migliorano la funzione epatica; aringa, manzo,

LA RICETTA

Maiale allo Zenzero e Agrumi. In una cazzeruola faccio scaldare 4 cucchiai di olio extravergine con uno spicchio di aglio, un pezzetto di peperoncino, un rametto di timo, 5 o 6 capperi dissalati, una manciata di olive nere denocciolate e una di uva sultatina ammollata; tolgo l’aglio e aggiungo 300 gr bocconcini di capocollo di maiale, leggermente infarinati, che faccio dorare su ogni lato; trascorso qualche minuto, sfumo con poco vino bianco. Copro la carne con brodo di manzo (o acqua) e lascio cuocere coperto a fuoco basso per almeno 90 minuti. Quando il tegame comincia a cantare- segno che il liquido è andato via lasciando al suo posto un fondo denso e profumato- aggiungo un pugno di mandorle tritate, una spolverata di zenzero, sale e pepe. Lascio insaporire per alcuni minuti quindi verso nella cazzeruola il succo di 2 arance e di un limone. Aspetto che la salsa si addensi (se necessario, aggiungo mezzo cucchiaio di maizena diluita in poca acqua) e servo con un contorno di broccoli ripassati o di cavolfiori al vapore con olio e limone.


Credetemi: non esiste mangiare più gustoso e più nutraceutico di questo.


Carlo Gizzi
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA