Festa di laurea con contagio: 20 in quarantena a Scanno

Festa di laurea con contagio: 20 in quarantena a Scanno
di Patrizio Iavarone
2 Minuti di Lettura
Martedì 27 Luglio 2021, 08:24 - Ultimo aggiornamento: 08:35

Allarme focolaio si è acceso a Scanno, in provincia dell'Aquila, dove una ventina di giovani sono finiti in quarantena per aver partecipato ad una festa di  laurea venerdì scorso. Il neo laureato, un ventiquattrenne  di Prato, è stato infatti contattato il giorno successivo alla cena, consumata con gli amici scannesi e non in un noto ristorante del centro montano, perché venuto a contatto con un positivo nella sua città prima di trasferirsi in vacanza a Scanno. Il giovane si è così sottoposto ad un tampone rapido antigenico in farmacia risultando positivo al Covid-19. Quanto basta per far scattare il tracciamento da parte della Asl che ieri ha sottoposto a tampone molecolare il giovane per l’eventuale conferma. I commensali sono stati quindi messi in quarantena in attesa dell’esito del tampone che, se confermerà la positività, farà scattare la sorveglianza obbligatoria per tutti, turisti e non. Anche loro, in questo caso, dovranno al termine dei dieci giorni sottoporsi a tampone molecolare per arginare il contagio. La cena, tuttavia, si è svolta all’aperto e per questo si spera che il virus sia stato in qualche modo neutralizzato parzialmente nella sua carica virale. La preoccupazione però è alta nel centro montano, già preso d’assalto in questi giorni da turisti, le cui presenze sono destinate ad aumentare nelle prossime settimane. Tant’è che il sindaco Giovanni Mastrogiovanni sta pensando di fare un’ordinanza per l’uso obbligatorio della mascherina anche all’aperto in alcune zone del centro storico dove sono più facili gli assembramenti, un po’ insomma come accaduto a Sulmona ai primi di luglio dopo il focolaio della movida. Ieri, intanto, nessuna negativizzazione con i positivi che restano a quota 35, tuttavia una buona notizia arriva dal fronte del contagio da Malta: gli altri viaggiatori tra i giovani andati in vacanza nell’isola, sono infatti risultati negativi al tampone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA