Sbatte la testa del figlio di 14 anni contro il muro, scatta la denuncia

Mercoledì 10 Ottobre 2018 di Francesco Marcozzi
Picchia il figlio di quattordici anni così forte da costringerlo al ricovero all’ospedale Mazzini di Teramo a causa delle ferite e contusioni riportate alla testa. La vicenda fa venire alla luce uno scenario famigliare drammatico dove le botte al ragazzo sarebbero soltanto la punta di un iceberg di altre violenze maturate in casa e patite anche dalla moglie oltre che dal figlio. Al centro della vicenda c’è un marocchino di 43 anni, incensurato e residente in Italia con regolare permesso di soggiorno ma disoccupato. L’altra sera sono stati i vicini di casa a richiedere l’intervento dei carabinieri, allarmati dalle grida disperate che provenivano dall’abitazione dell’uomo. I militari sono intervenuti con molta sollecitudine e si sono trovati di fronte ad un ragazzo ferito e che perdeva sangue dalla fronte.

I sanitari del 118, constatate le condizioni del ragazzo con particolare riferimento alle ferite riportate alla testa, hanno deciso che sarebbe stato meglio trasportarlo al pronto soccorso dell’ospedale di Teramo. Qui i sanitari gli hanno praticato le principali cure del caso stabilendo però che il ragazzo andasse ricoverato come in effetti è avvenuto. I carabinieri, dal loro canto, hanno proceduto con l’interrogatorio della moglie, presente alla scena alla scena. La moglie ha dovuto ammettere che il marito avrebbe colpito il figlio con due pugni al volto e poi gli avrebbe sbattuto la testa contro il muro. Dal Pronto soccorso, in atti, una prima conferma dell’accaduto dal punto di vista medico: il quattordicenne presenta delle ferite nella regione occipitale della testa ed un vasto ematoma alla fronte.

Ma cosa sarebbe accaduto in quella stanza? Pur con qualche reticenza iniziale, la donna, alla fine, ha raccontato tutto, sostenendo che il padre avrebbe picchiato il figlio con violenza per il fatto che gli avrebbe risposto "in maniera sgarbata" ma poi, più tardi, tra le lacrime, incalzata dai militari, ha confessato che in passato altri atti di violenza erano stati consumati e non solo sul ragazzo ma anche su di lei. Alla luce di quanto accaduto e delle confessioni della donna, i carabinieri hanno proceduto a denunciare il marocchino 43enne per maltrattamenti in famiglia. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma