Rubato il presepe del piccolo borgo di Opi: caccia al ladro del bambinello

Il presepe di Opi. Rubato il presepe del piccolo borgo di Opi: caccia al ladro del bambinello
di Sonia Paglia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Gennaio 2022, 09:48 - Ultimo aggiornamento: 09:49

Rubano il presepe allestito dalla Pro loco di Opi, in uno dei borghi più belli d’Italia in provincia dell'Aquila. E’ caccia ai ladri del bambinello. Il sindaco e presidente della Comunità del Pnalm, Antonio Di Santo, invita l’autore del gesto a tornare sui suoi passi, per rimediare, come lui stesso lo definisce, al triste evento. In caso contrario, auspica che attraverso varie ricerche, venga individuato il responsabile. «Un episodio incomprensibile nelle ragioni - commenta il primo cittadino - che mi ha colpito particolarmente, poiché il presepe dovrebbe essere un segno di speranza per tutti, soprattutto in un momento delicato come quello che stiamo vivendo, legato alla pandemia e che dovrebbe renderci tutti più solidali e rispettosi del prossimo».

I vandali colpiscono il presepe: la Madonna fuma e beve vino. «Gesto offensivo»

L'Aquila, presepe monumentale napoletano esposto nel palazzo dell'Emiciclo

Insieme a lui, l’appello del parroco, Don Yosef: «Restituitelo subito è il simbolo natalizio della cristianità». E’ successo nel piccolo comune di Opi, a pochi chilometri dalla capitale del Parco d’Abruzzo. Ignoti avrebbero agito di notte, smantellando completamente un prezioso presepe, collocato sul davanzale esterno della finestra dell’abitazione di Nunziata Boccia, 52 anni, maestra di sci e geometra del Comune. La casa derubata è nel centro storico del piccolo e prezioso borgo, in via Roma, nelle vicinanze della chiesa parrocchiale, Santa Maria Assunta. Enorme il dispiacere della donna e dei familiari anziani, soprattutto per il simbolo cristiano che è stato rubato, insieme alle luci che lo adornavano. L’iniziativa di allestire i presepi in piccole nicchie del borgo è partita dalla Pro loco di Opi e dai suoi collaboratori, che hanno distribuito tutto il materiale necessario, tra statue ed altro, a molti residenti. La finalità è stata quella di entrare nell’atmosfera natalizia e a rendere, ancora più caratteristico, il paese, visitato, in questo periodo, da numerosi turisti, appassionati di presepi, che hanno immortalato ogni angolo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA