Insegnante di sostegno morta a 54 anni: ha lottato contro una grave malattia

Elisabetta Scognamiglio Insegnante di sostegno morta a 54 anni: ha lottato contro il male
di Tito Di Persio
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Luglio 2021, 08:49

«Un altro dolore ha colpito il nostro Istituto: la maestra Elisabetta Scognamiglio ci ha lasciati improvvisamente». A dare la notizia della sua scomparsa in un post su Facebook, con sotto la fato dell’insegnate, alcune colleghe dell’Istituto Comprensivo Roseto 1, in provincia di Teramo. L’insegnante aveva 54 anni. A dicembre aveva scoperto di aver un brutto male, e ha lottato con tutte le sue forze per sopravvivere. E stava meglio. Negli ultimi giorni purtroppo la sua situazione è precipitata e ieri pomeriggio il decesso. «E’ stato davvero un fulmine a ciel sereno», dice commossa la dirigente scolastica. «Davvero non ho parole per descrivere la sua bontà e la sua professionalità - aggiunge – ci sentivamo ogni tanto e nessuno di noi pensava a una fine così. Anzi lei ci rassicurava che stava meglio. Mi stringo al dolore della famiglia». La prof Scognamiglio aveva iniziato ad insegnare a settembre nel suo istituto come maestra di sostegno e seguiva sia i ragazzi nella scuola Milli che la Veronese. «Era innamorata dei ragazzi – dice ancora la dirigente - era una donna solare e piena di iniziative. Abbiamo perso una grande persona oltre che un’ottima professionista». Un suo conoscente racconta infatti che insegnare era stato sempre il suo sogno. Per anni aveva lavorato a Roseto in due studi come fisioterapista. «Non riesco a credere che proprio quando è riuscita a realizzare il suo desiderio si è ammalata», dice ancora l’amico.


«Esprimo il cordoglio dell’amministrazione comunale per la morte così prematura di una giovane madre, stimata da tutti» dice il sindaco Sabatino di Girolamo. La notizia ha fatto il giro in poco tempo di tutta la città. Centinaia i messaggi sui social. «Ciao Elisabetta eri una bella persona. Abbiamo studiato insieme a Pescara nella scuola di fisioterapia. La tua scomparsa mi ha lasciato attonita e triste. Non è giusto togliere una madre ai figli ed una moglie al marito», commenta Anna. Infatti la maestra lascia il marito Paolo e le figlie. La salma è stata portata alla camera ardente la casa funeraria Antonio Ruggieri a Voltarrosto. In poche ore sono stati molti i rosetani che ci si sono recati per porgere un saluto a lei e i suoi cari. I funerali avranno luogo domani alle 16 nella chiesa di Santa Teresa di Calcutta a Roseto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA