Corsa al superbonus, ma la riunione condominiale in presenza scatena focolaio Covid: 8 contagi

Corsa al superbonus, ma la riunione condominiale in presenza provoca focolaio Covid: otto contagi (foto Max Schiazza)
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Febbraio 2021, 10:25 - Ultimo aggiornamento: 13:46

Focolaio Covid a Pescara. La scorsa settimana in un condominio di Pescara otto persone si sono contagiate nel corso di una riunione: «È vergognoso e privo di senso logico, pare si sia svolta tra l’altro in un locale stretto e angusto, senza l’opportuno distanziamento, anche l’amministratore pare abbia contratto il virus», commenta Marco Pierotti, presidente regionale dell’associazione amministratori condominiali e immobiliari.

Covid: Asl Chieti: «Serve una stretta per i Comuni con alto contagio»

Malgrado la possibilità di genere riunioni in videoconferenza, spiega, «molti si ostinano a richiederle in presenza ai fini di una rapida approvazione degli interventi edilizi che rientrano nel superbonus 110%. C’è questa corsa alla detrazione fiscale – conferma Pierotti - tuttavia non c’è nulla che non si possa discutere o deliberare online, l’unico problema semmai può essere il coinvolgimento di anziani e quanti hanno poca dimestichezza con la tecnologia, ma basta attrezzarsi. Nelle discussioni in presenza le persone si animano e anche con le dovute precauzioni le distanze finiscono per annullarsi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA