Rigopiano, via all'udienza preliminare: parenti in aula con le foto dei morti sulle magliette

Martedì 16 Luglio 2019
Avanzate circa 110 richieste di costituzione di parte civile, questa mattina nell'aula uno del tribunale di Pescara, nell'ambito della prima udienza preliminare relativa all'inchiesta madre sul disastro dell'Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), travolto da una valanga il 18 gennaio 2017. Nella tragedia persero la vita 29 persone. A rischiare il processo sono 24 imputati, più la società Gran Sasso Resort Spa, accusati a vario titolo di crollo di costruzioni o altri disastri colposi, omicidio e lesioni colpose, abuso d'ufficio e falso ideologico. In aula una cinquantina di familiari delle vittime, che hanno indossato magliette bianche con le immagini dei loro cari. Presenti solo 7 imputati, tra i quali il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, e il dirigente regionale Pierluigi Caputi. Assenti gli imputati più in vista, l'ex prefetto di Pescara Francesco Provolo e l'ex presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco. Nel corso dell'udienza, davanti al gup Gianluca Sarandrea, hanno chiesto di costituirsi parte civile, oltre ai familiari delle vittime e ai superstiti, anche il Comune di Farindola, l'Inail e le associazioni Codacons e Cittadinanzattiva.

Le difese hanno chiesto tempo per esaminare le richieste e l'udienza è stata aggiornata al prossimo 27 settembre. «Prima! - ha gridato il superstite Giampaolo Matrone, dallo spazio riservato al pubblico, mentre giudice e avvocati cercavano un'intesa sulla data e a causa dell'indisponibilità di alcuni legali l'udienza sembrava destinata a slittare a ottobre - Attendiamo da due anni e mezzo». Il giudice ha richiamato Matrone con fermezza, ma senza eccessiva durezza, spiegandogli che si stava facendo il possibile per fissare una data ravvicinata. «Dobbiamo essere ottimisti per forza, altrimenti non riusciremmo ad andare avanti - ha detto Gianluca Tanda, presidente del Comitato vittime, al termine dell'udienza - Siamo fiduciosi che emergerà la verità e solo con quella ci sarà davvero giustizia». Soddisfatto l'avvocato Romolo Reboa, che assiste i familiari di quattro vittime della tragedia. «Il giudice mi è sembrato davvero capace di gestire un'udienza tecnicamente molto difficile - ha affermato il legale - Finora ha mostrato di avere polso e fermezza, ma anche comprensione e umanità, tutte qualità necessarie in casi come questo».
  Ultimo aggiornamento: 17:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma