Rapinatori armati di mattarello irrompono in casa davanti a un bimbo di 4 anni: arrestati

Rapinatori armati di mattarello irrompono in casa davanti a un bimbo di 4 anni: arrestati
di Marcello Ianni
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Maggio 2019, 09:17

Rapinatori in casa armati di mattarello davanti a un bimbo di 4 anni: arrestati. E' successo l'altra notte all'Aquila. I carabinieri li hanno catturati mentre tentavano di disfarsi degli indumenti utilizzati poco prima per rapinare mamma e figlio. Addosso avevano parte delle refurtiva, tra cui le catenine con le iniziali di mamma e figlio. In manette sono finiti due rapinatori più altri due ricettatori.

I due rapinatori, stando ad una prima ricostruzione, prima hanno bussato alla porta tentando di farsi aprire con una scusa. Poi, al diniego della donna, hanno deciso di sfondare la porta finestra della camera da letto. Quando la donna è arrivata si è trovata immobilizzata, con la bocca tappata da uno dei malviventi che indossava dei guanti, mentre l’altro brandiva un mattarello. Entrambi avevano il volto travisato. Quando i due rapinatori hanno visto che la donna non aveva soldi con sé hanno arraffato un cofanetto dove all’interno erano custoditi dei gioielli, il tutto davanti gli occhi impietriti del bambino.

L’allarme è scattato immediatamente. Alcuni particolari colti dalla vittima durante la rapina, hanno messo sulla giusta strada i carabinieri che arrivati a casa di un sospettato  (da loro conosciuto) hanno trovato l’uomo fuori la sua abitazione, con due secchi dell’immondizia all’interno dei quali sono stati rinvenuti i documenti di identità della vittima, e le scarpe utilizzate durante la rapina. Nell’abitazione dell’arrestato i militari hanno recuperato anche il mattarello utilizzato per spaventare la donna. Durante l’attività di indagine dagli slip che indossava uno dei rapinatori è saltato fuori anche un braccialetto d’oro sempre di proprietà della vittima. Ulteriori riscontri sono stati rinvenuti anche sull’altro rapinatore.

I tabulati telefonici hanno infine permesso ai militari dell’Arma di risalire dai cellulari dei due malviventi, ai ricettatori degli oggetti in oro sottratti con violenza. Al collo al momento dell’arresto i due avevano le catenine con le iniziali della donna e del figlio di quattro anni. Tutti su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica Roberta D’Avolio sono stati arrestati. L’udienza di convalida è prevista per lunedì.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA