Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rapinano al corriere 17 chili di droga, poi vengono arrestati dopo l'inseguimento

Rapinano al corriere 17 chili di droga, poi vengono arrestati dopo l'inseguimento
di Patrizio Iavarone
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 08:30

C'è di più del semplice spaccio dietro la scena da film hollywoodiano che l'altro ieri ha visto finire in manette quattro giovani, di cui tre sulmonesi, a Bussi. Dalla lettura dei verbali di arresto, infatti, emerge che i tre sulmonesi abbiano di fatto rapinato il corriere che trasportava la droga, A.N., 48enne di origine del Frusinate, ma residente a Guidonia.


E' quanto si evince dalle carte dell'informativa che la guardia di finanza di Sulmona ha depositato ieri presso la Procura della Repubblica di Pescara, competente territorialmente. Nella ricostruzione fatta dalle fiamme gialle, infatti, i tre, che la guardia di finanza aveva cominciato a pedinare da Sulmona, avrebbero incontrato A.N. a Bussi con l'accordo, probabilmente, di fare uno scambio di droga. Al momento della consegna, avvenuta davanti alla scuola e al Comune di Bussi, però, i tre acquirenti avrebbero consegnato al corriere una busta con dentro cartacce anziché soldi.

Lo stesso corriere sarebbe stato costretto, è da capire se sotto la minaccia della pistola scacciacani priva di tappo rosso o meno, ad accettare lo scambio, essendo stretto contro un muro mentre un altro dei tre prelevava il borsone dal bagagliaio contenente circa 17 chilogrammi di hashish. Il film, però, doveva ancora iniziare: la guardia di finanza che aveva seguito passo passo la gita fuori porta dei tre sulmonesi, è a quel punto intervenuta, intimando l'alt alla Opel Corsa sulla quale viaggiavano. I tre, però, non avrebbero rispettato l'ordine e avrebbero prima speronato l'auto delle fiamme gialle per poi darsi alla fuga. Quindi l'inseguimento a folle velocità lungo le strade della cittadina e l'intervento in ausilio dei carabinieri di Bussi che alla fine hanno bloccato i fuggiaschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA