Giuseppe, 18 anni, in coma dopo il pugno in testa: caccia al branco, tre sono ragazzini

Giuseppe Pio D'Astolfo mentre lavora in un negozio di surgelati. Giovane in coma dopo un pugno, gli aggressori hanno il fiato sul collo
2 Minuti di Lettura

Un primo rapporto è stato già inviato dai carabinieri alla procura di Lanciano sull'aggressione a Giuseppe Pio D'Astolfo, 18 anni, un lavoro in un negozio di surgelati, ancora grave nella Rianimazione di Pescara, dove è ricoverato in coma farmacologico indotto, dopo aver subito diversi interventi chirurgici per ridurre un ematoma e bloccare un'emorragia dopo l'aggressione del branco. Il giovane, che era con amico maggiorenne e un'amica minorenne, è stato aggredito l'altra notte da un gruppo di cinque ragazzi mentre erano sulla zona binari dell'ex stazione Sangritana, in pieno centro a Lanciano, dove nei fine settimana i ragazzi, molti minori, si ritrovano per bere e fare uso di sostanze stupefacenti.

Pescara, 18enne colpito con un pugno in testa dopo gli sfottò: è in coma, incubo nuovo caso Willy

L'indagine dei carabinieri prosegue per identificare gli appartenenti al branco, che sarebbe composto da almeno tre minori, e proprio uno di loro avrebbe sferrato un unico poderoso pugno alla testa del 18enne, sulla parte parietale sinistra. L'indagine è coordinata dal procuratore capo Mirvana Di Serio e dal pm Serena Rossi con l'apertura di un fascicolo per lesioni gravissime. Si valutano altre ipotesi di reato, ma la rissa è per ora esclusa. Del grave episodio un'informativa è stata tramessa anche alla procura minorile dell'Aquila. Secondo fonti investigative si sarebbe vicini all'identificazione dei responsabili del violento episodio.  Anche oggi sono stati risentiti i due amici del ferito e altri giovani testimoni, oltre ad analizzare nuovamente i frammenti delle telecamere di sorveglianza, alcune non funzionanti, ed altre che non puntavano direttamente sul luogo dove è avvenuta l'aggressione. All'incontro in procura erano presenti il comandante provinciale dei carabinieri di Chieti, il colonnello Alceo Greco, il maggiore Vincenzo Orlando, comandante della compagnia di Lanciano e il tenente Giuseppe Nestola a capo del Norm. 

Lunedì 19 Ottobre 2020, 21:19 - Ultimo aggiornamento: 22:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA