Povertà, il Banco alimentare assiste in Abruzzo trentamila persone

Povertà, il Banco alimentare assiste in Abruzzo trentamila persone
2 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Giugno 2020, 15:06

Nel 2019 il Banco Alimentare dell' Abruzzo ha donato cibo a 31.352 persone della regione, 1.620 in più rispetto all'anno precedente, quando i bisognosi erano 29.732. Una carità concreta, realizzata grazie ad una rete di 183 enti
convenzionati, 6 in più dell'anno precedente: Caritas, mense dei poveri, associazioni di volontariato, parrocchie ed enti di assistenza hanno portato speranza concreta in un Abruzzo fiaccato da una stagnazione economica, ora divenuta vera e propria recessione per il covid-19.

Sono alcuni dei dati presentati ieri, giovedì 25 giugno, all'assemblea dei soci del Banco Alimentare Abruzzo, che si è svolta nel magazzino di via Celestino V a Pescara, alla presenza anche di volontari, collaboratori e amici. Sono stati il presidente Antonio Dionisio e il direttore Cosimo Trivisani a fornire una fotografia dettagliata dell'attività 2019, con un focus sui primi mesi del 2020 segnati dalla pandemia.

Nel dettaglio, a Pescara e provincia il Banco ha donato cibo a 70 enti che assistono 11.780 persone, a Chieti a 65 enti vicini a 8.250 persone, a L'Aquila a 18 enti che sostengono 6.752 persone e a Teramo a 30 strutture che aiutano 4.570 persone. Sempre nel 2019, il Banco Alimentare dell' Abruzzo ha raccolto 1.366.611,96 kg di beni alimentari da Agea, industria agroalimentare, Giornata Nazionale della Colletta Alimentare e collette locali, Siticibo, ortofrutta e altro: rispetto all'anno precedente, in generale si è registrato un calo dell'11,6 per cento, dovuto soprattutto alla diminuzione dei ritiri dai programmi dell'Unione Europea (-52,95 per cento) per effetto dei ritardi delle gare e dei programmi ma anche un importante aumento di ritiri dall'industria (+36 per cento) e dall'ortofrutta (+13,5 per cento). Il valore economico dei beni recuperati e distribuiti è stato nel 2019
pari a 3.074.876,9 euro, considerando una media di 2,25 euro a kg. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA