Pescina, seconda inaugurazione della Casa museo di Ignazio Silone

Pescina, seconda inaugurazione della Casa museo di Ignazio Silone
di Manlio Biancone
2 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Settembre 2021, 11:51

Ieri a Pescina, nell’ambito delle Giornate europee del Patrimonio in Abruzzo, si è tenuta l’inaugurazione della Casa museo di Ignazio Silone. Qualcuno in modo polemico fa notare che la casa è stata già inaugurata la prima volta il 10 settembre dello scorso anno dall’allora sindaco di sinistra Stefano Iulianella. Un forte impegno c’è stato anche da parte dell’ex consigliere regionale Maurizio Di Nicola che si adoperò per lo stanziamento di fondi Masterplan. Un intervento di recupero che è costato più di un milione di euro. La Regione Abruzzo ha investito un milione per la casa natale e i parchi letterari, la fondazione terzo Pilastro dell’avvocato Emanuele ha donato circa 600 mila euro, il comune di Pescina 400 mila euro.


La giornata è stata dedicata interamente allo scrittore pescinese: alle 11 si è tenuto il convegno “Ascoltiamo Silone: tra memoria, storia e testimonianze”. Sono intervenuti Romolo Tranquilli, pronipote di Silone, Gino Renzo Palumbo, ex presidente del Circolo culturale Ignazio Silone e Maurizio Moscardelli. L’incontro è iniziato con i saluti del sindaco Mirko Zauri e di Tiziana Cucolo, presidente del Centro Studi Ignazio Silone. Moderatore Gianni Maritati, giornalista Rai e scrittore. Alle 15, nella sala consiliare del Comune di Pescina, è stata conferita la cittadinanza onoraria alla prof Liliana Biondi che con la sua attività in favore di Silone. Alle 16.30, infine, l’evento più atteso: l’inaugurazione della Casa-Museo di Ignazio Silone in via Umberto I (ex via delle Botteghe). Il sindaco Zauri: «L’intento è dare una migliore conoscenza dell’incomparabile patrimonio culturale legato al nostro concittadino più illustre. L’iniziativa nasce dalla generosità e disponibilità di molti, in primis Mario e Teresa Tarola, eredi dello scrittore che hanno fatto dono alla Città di Pescina della casa natale di Ignazio Silone».

© RIPRODUZIONE RISERVATA