CORONAVIRUS

Calcio, il primo allenamento di Sottil: «Pescara devi crederci, io sono carico come una molla»

Mercoledì 8 Luglio 2020 di Orlando D'Angelo
Calcio, il primo allenamento di Sottil: «Pescara devi crederci, io sono carico come una molla»

Primo giorno da allenatore del Pescara ieri per Andrea Sottil. Arrivati a notte fonda in città, il tecnico piemontese e i membri del suo staff si sono prima sottoposti ai passaggi obbligatori previsti dal protocollo sanitario, quindi a tampone e test sierologico per il Covid-19 poi hanno incontrato il presidente Sebastiani per firmare il contratto con scadenza fissata al 31 agosto prossimo. Attorno alle 15.30 la società ha annunciato con un comunicato ufficiale l'ingaggio dell'allenatore. Che alle 17.30 era sul campo con i suoi collaboratori Simone Baroncelli (vice allenatore), Cristian Bella (preparatore atletico) e Salvatore Gentile (match analyst) per la prima seduta della sua gestione. Il preparatore dei portieri Gabriele Aldegani resta al suo posto e lavorerà con i nuovi colleghi dello staff tecnico.

LEGGI ANCHE Calcio, il Napoli in ritiro a Castel di Sangro fino al 2025

La presentazione di Andrea Sottil si terrà domani mattina all'Ekk Hotel di Città Sant'Angelo. Ma l'avventura di Sottil a Pescara è già iniziata. Ieri, a fine giornata, il nuovo allenatore ha anche rilasciato delle dichiarazioni sul sito internet del club biancazzurro, ribadendo la sua soddisfazione per la chance offertagli dal presidente Sebastiani in queste ore. «Sono felice della chiamata ha detto . Non ho esitato un attimo. Sono carico come una molla. Pescara, oltre ad essere una città bellissima, è soprattutto una grande piazza che vanta di una solida tradizione calcistica. L'ambiente, in un certo senso, mi è già familiare visto che mio figlio Riccardo l'anno scorso ha giocato qui e io spesso e volentieri sono venuto all'Adriatico a vederlo. Diciamo che questa realtà l'ha scoperta lui e oggi tocca a me mettermi in gioco sullo stesso palcoscenico: sono pronto».

LEGGI ANCHE Serie B, il Benevento promosso in A con 7 giornate d'anticipo. Pippo Inzaghi: «Avevo un debito d'onore»

A convincere la società della scelta Sottil, è stato anche l'entusiasmo con cui il tecnico torinese ha accettato una sfida difficile e rischiosa, e un contratto di soli due mesi, mentre a Catania era legato al club etneo fino a giugno 2021. 
 

Ultimo aggiornamento: 11:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA