La ex lo respinge, lui compra pistola e munizioni: disarmato dalla Polizia

La ex lo respinge, lui compra pistola e munizioni: disarmato dalla Polizia
3 Minuti di Lettura
Domenica 12 Settembre 2021, 08:34

L'ha comprata, la pistola, e probabilmente l'avrebbe usata. Al termine di una settimana nera, con delitti in ambito familiare costati la vittima a sei donne in varie parti d'Italia, la polizia ha scongiurato l'esito tragico dell'ennesima storia di amore malato a Pescara. Lui è un uomo di 53 anni, ossessionato dalla fine del rapporto e fermamente intenzionato, dopo mesi, a imporre alla sua ex una ricucitura evidentemente non gradita. Quando lei, al culmine di un'escalation di violenze iniziate con appostamenti sotto casa, visite a sorpresa sul posto di lavoro e spintasi fino agli insulti e alle aperte minacce, si è decisa a sporgere denuncia in questura, la sua vita ha schivato l'insidia più grave. 


Le immediate indagini avviate dalla squadra mobile diretta dal commissario capo Gianluca Di Frischia, ha permesso di accertare, attraverso l'incrocio con le informazioni della banca dati della polizia amministrativa, di accertare che l'uomo, un 53enne di Pescara, proprio il giorno prima della denuncia aveva fatto shopping in un'armeria di Pescara. Aveva acquistato un revolver Smith & Wesson calibro 38, un'arma micidiale, e ben due scatole di proiettili. Una coincidenza di tempi che gli investigatori non ritengono casuale.

Il possesso di armi del genere va ovviamente denunciato all'autorità di pubblica sicurezza e questo ha svelato i piani folli dell'uomo. La pistola e le munizioni sono state sequestrate ieri mattina dalla squadra mobile, mettendo un primo, decisivo punto finale alla storiaccia. È stato il gip Antonella Di Carlo, sulla base delle indicazioni della squadra mobile e su richiesta della procura, a firmare poi la misura cautelare che impedisce a lui di avvicinarsi alla ex e di frequentare i luoghi dove di svolge abitualmente la sua vita. 


L'inferno, ha raccontato la donna agli investigatori della mobile, è iniziato alcuni mesi fa, quando lei ha deciso di mettere fine alla relazione. Ha così scoperto nell'ex partner un'altra persona, dimostratasi pronta a tutto pur di ricucire un rapporto irrimediabilmente esauritosi. I ripetuti rifiuti della ex non hanno fatto altro che aumentare invadenze e atteggiamenti molesti, fino ai primi accenni di violenza verbale. A quel punto lei ha deciso di chiedere aiuto alla polizia, attivando la procedura urgente prevista dal cosiddetto codice rosso. L'uomo, disarmato e opportunamente informato sulle conseguenze di altre intemperanze, sa che rischierebbe grosso a violare le prescrizioni del giudice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA