È morto a 97 anni l’avvocato Giacomo Colacito

È morto a 97 anni l avvocato Giacomo Colacito
2 Minuti di Lettura
Martedì 26 Aprile 2022, 12:55 - Ultimo aggiornamento: 12:56

Se ne va uno degli ultimi protagonisti della migliore stagione pescarese, gli anni della grande fuga in avanti della città risorta dalla devastazione della seconda guerra mondiale. L’avvocato Giacomo Colacito, 97 anni, è morto ieri sera nella sua abitazione di via Napoli, a Pescara. Chietino di nascita, ma arrivato da bambino in riva all’adriatico, non è stato soltanto una toga di lunghissimo corso, fondatore e titolare di uno dei più affermati studi civilistici, premiato dall’ordine forense nel 2010 per i 60 anni di iscrizione. Giacomo Colacito, più confidenzialmente Mimmo per i suoi tanti amici, era anche uno sportivo appassionato: calciatore in gioventù fino alle soglie del professionismo, abbandonò il pallone per gli studi dedicandosi poi al tennis, allo sci e al nuoto, discipline che ha praticato fino a pochi anni fa, una volta ritiratosi della professione attiva.

Pescara, malore fatale per l'ingegner Di Cesare

Ma soprattutto, Colacito è stato cittadino attivo, informato e appassionato, non indifferente al richiamo dell’impegno pubblico quando dopo la fine della prima Repubblica anche a livello locale la politica ha dovuto fare appello alla supplenza del civismo. Nelle elezioni del 1993 fu tra i fondatori della lista Pescara futura, scegliendo come elemento di punta l’allora giovane Carlo Masci, oggi sindaco in carica dopo le prime esperienze di giunta nelle amministrazioni di Carlo Pace. Intorno a quella formazione civica si è riorganizzato e consolidato negli ultimi decenni l’argine del ceto borghese e moderato. L’avvocato Colacito, vedovo da alcuni anni, lascia i figli Luciana e Sandro, quattro nipoti e i pronipoti. Ancora da decidere la data di funerali, che si svolgeranno comunque nella chiesa dello Spirito Santo, da sempre parrocchia di riferimento della famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA