Pescara, liquori e occhiali: sventate due rapine. Scattano gli arresti

Pescara, liquori e occhiali: sventate due rapine. Scattano gli arresti
di Patrizia Pennella
3 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Novembre 2021, 08:09

Erano entrati in due, poco prima dell'orario di chiusura, pensando di attirare meno l'attenzione. Un uomo e una donna, che l'addetto alla sicurezza del supermercato Tigre, in via Nicola Fabrizi a Pescara, ha notato per il loro atteggiamento sospetto. L'uomo, un senegalese trentenne, passando tra gli scaffali del supermercato, ha infilato al volo in una sacca che portava a tracolla qualche confezione di alimenti conservati e due bottiglie di superalcolici. Insieme alla complice, poi, si è avvicinato alla cassa: la donna ha regolarmente pagato una piccola quantità di merce, lui ha svicolato superando il sistema antitaccheggio e si è rapidamente avviato lungo il corridoio che porta all'uscita.

L'addetto alla sicurezza si è avvicinato per fermarlo e S.C., vistosi scoperto, ha reagito per aprirsi una via di fuga: ha afferrato l'altro uomo per la cravatta e ha iniziato a tirarla, contemporaneamente lo ha colpito con un forte calcio nella parte alta di una gamba, all'altezza del femore. In soccorso dell'addetto alla sicurezza sono arrivati anche i dipendenti del supermercato che hanno bloccato l'uomo e hanno impedito anche alla complice di uscire, avvisando poi la sala operativa del 113. Due pattuglie della squadra volante, poi affiancate da un terzo equipaggio, sono arrivate al supermercato e, coordinate dal dirigente Paolo Robustelli, hanno sottoposto a controllo sia S.C. che la donna che era con lui, mentre gli ultimi clienti uscivano dal supermercato. Gli agenti hanno recuperato la merce rubata, che è stata restituita al responsabile del supermercato: il valore ammonta a circa trenta euro. Il Pm ha disposto l'arresto e S.C. è stato portato in carcere in attesa della convalida.


Già nel pomeriggio gli agenti della squadra volanti erano dovuti intervenire in un'ottica. Alle 17,40, un uomo era entrato, si era fermato a guardare la merce negli espositori, ha gironzolato un po' all'interno del negozio, pensando di non essere notato. Ha prelevato quattro paia di occhiali e stava andando via, ma il titolare lo ha inseguito e lo ha bloccato, nel tentativo di riuscire a recuperare la merce. È accaduto intorno alle 17.40: il proprietario lo ha inseguito e bloccato per recuperare la merce. Ma l'uomo, T.S. pescarese di 40 anni già conosciuto alle forze di polizia, pur di allontanarsi ha provocato la caduta del commerciante, che si è ferito ad un braccio urtando a terra.

Uscendo dal negozio con il bottino il quarantenne ha inforcato una bicicletta per fuggire più velocemente e ha investito una donna che in quel momento stava passando sul marciapiede. Intanto il commerciante aveva chiamato la sala operativa della Questura che aveva inviato sul posto una volante: gli agenti hanno intercettato T.S. e lo hanno arrestato. Il pm di turno ha poi disposto i domiciliari in attesa dell'udienza di convalida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA