Pescara, secondo incendio nella Pineta dannunziana: forse c'è un piromane

Monday 25 May 2020
Ieri pomeriggio, nuovo incendio all'interno della Pineta Dannunziana di Pescara. Il secondo nel giro di tre giorni. A prendere fuoco, una parte di sottobosco con aghi di pino e semi di pioppi. In tutto, 40 metri quadrati di vegetazione. Ad evitare danni ancora più consistenti, l'intervento tempestivo dei vigili del fuoco, giunti sul posto, con due squadre. Allertati anche la polizia e i carabinieri forestali, che ora hanno avviato tutta una serie di accertamenti. A questo punto, si comincia a ritenere probabile che dietro i roghi possa esserci la mano di qualcuno.

L'incendio di ieri si è sviluppato nelle vicinanze dell'ex Aurum, a poca distanza dall'area dell'ex galoppatoio in cui venerdì scorso è divampato l'altro rogo. Una zona quest'ultima in abbandono e frequentata giorno e notte da balordi e tossicodipendenti. Quasi certamente, in mattinata sarà effettuato un sopralluogo e acquisite le immagini dei sistemi di videosorveglianza alla ricerca di elementi utili a ricostruire gli episodi e ad identificare nel caso il o i responsabili. L'incendio di ieri si è sviluppato in particolare dal vialetto percorribile a piedi all'interno della riserva naturale. Ad allertare vigili e 113 sono stati alcuni passanti; venerdì invece i residenti di alcuni palazzi vicini letteralmente terrorizzati. Dopo aver messo in sicurezza la Pineta, i vigili sempre nel pomeriggio di ieri sono dovuti intervenire a Città Sant'Angelo per un grosso incendio di sterpaglie.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani