Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, a Pescara in aereo quattro bimbi malati di tumore

Ucraina, a Pescara in aereo quattro bimbi malati di tumore
2 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Marzo 2022, 09:29

L'aereo della Guardia di finanza ha toccato terra all'aeroporto di Pescara intorno all'1.30 dell'altra notte. Missione compiuta per l'equipaggio, avventura appena all'inizio per i 4 bambini ucraini, 3 mesi, 6, 10 e 12 anni di età, sbarcati con due mamme e una nonna. Due dei piccoli, residenti con le loro famiglie a Odessa e Mykolaiv, soffrono di patologie oncoematologiche e fino allo scoppio della guerra stavano combattendo la loro personale battaglia affrontando le cure che proseguiranno ora nel reparto di Ematologia dell'ospedale di Pescara, grazie all'aiuto e all'assistenza assicurate dall'Agbe, l'associazione dei genitori di bambini emopatici, che si è messa a disposizione della causa garantendo alle sette persone fuggite dalle bombe di Mosca assistenza e soprattutto ospitalità nella casa Agbe di via Rigopiano.


È stata una notte intensa anche per il personale del 118, coinvolto nel trasbordo dei baby pazienti, 6 e 12 anni, dall'aeroporto all'ospedale, dove sono stati ricoverati per riprendere sul filo dei secondi le terapie urgenti sospese nei giorni della disperata figa delle due famiglie verso il confine polacco. Una volta messisi in salvo, i piccoli sono stati presi in carico a Rzesow dalle associazioni umanitarie che hanno individuato nell'ospedale di Pescara il centro in grado di garantire gli stessi protocolli terapeutici seguiti dai medici ucraini. La macchina del soccorso umanitario internazionale e l'intervento del reparto di soccorso sanitario della guardia di finanza hanno fatto il resto.

Il cammino terapeutico sarà ancora lungo, ma per il momento tutti possono tirare un sospiro di sollievo. A partire da A.Cross, la onlus di Verona che ha svolto la mediazione culturale, fino alle associazioni Soleterre e Agbe, che attraverso il presidente pescarese Achille Di Paolo Emilio ha ottenuto l'impegno dell'equipe di oncoematologia pediatrica. Dopo i test Covid eseguiti nella notte in ospedale, i due baby pazienti sono stati presi in cura dal primario Mauro Di Ianni, dalle ematologhe Daniela Onofrillo e Antonella Sau e dalla psicologa Paola Sciarra per la ripresa immediata delle cure, che per uno di loro era di assoluta urgenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA