Pale d'altare dopo l'opera di Banksy: nuovo ritrovamento di opere d'arte rubate in Abruzzo

Pale d'altare dopo l'opera di Banksy: nuovo ritrovamento di opere d'arte rubate in Abruzzo
2 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Agosto 2020, 06:09 - Ultimo aggiornamento: 09:29

L'Abruzzo si conferma lo scrigno segreto dei trafficanti di opere d'arte. Dopo la porta del Bataclan, dipinta da Banksy, ritrovata in una soffitta del Teramano, spuntano ora due preziose trame d'altare trafugate in una villa marchigiana. Apparentemente nessun collegamente, ma sono in corso approfondagini del Nucleo artistico dei carabinieri.

Erano a Penne, nascoste all'interno di un deposito di proprietà di un piccolo imprenditore, le due pale d'altare del '600 di ingente valore artistico recuperate ieri mattina, nel corso di un blitz. Le pale erano state rubate, un anno fa circa, da una villa di Osimo. Da subito erano scattate le indagini, concentrate nelle ultime settimane in Abruzzo e quindi nel capoluogo vestino. Per l'imprenditore che le deteneva, A.C., è scattata la denuncia. L'uomo, da quanto emerso, ha un'attività nel settore della rigatteria e dell'antiquariato. Su di lui sono ora in corso approfondimenti per capire che tipo di collegamenti abbia e quindi come le due opere siano arrivate a Penne, chi le abbia portate ed eventualmente quale fosse la loro prossima destinazione. Insomma, stanno cercando di capire chi ci sia dietro questo traffico di opere d'arte.

Quello effettuato ieri dai militari dell'Arma è il secondo ritrovamento, nel giro di pochissimo tempo, sul territorio abruzzese di opere di un certo valore e significato. Il primo era stato il famosissimo murale di Banksy realizzato su una porta del Bataclan, sparito da Parigi nel gennaio del 2019 e recuperato lo scorso 10 giugno, in un casolare nelle campagne tra Sant'Omero e Tortoreto, abitato da una famiglia di cinesi. A giugno come ieri, i carabinieri sono andati a colpo sicuro, seguendo precise indicazioni e passaggi. In entrambi i casi, le indagini vanno ora avanti per lo più seguendo il binario del contrabbando di opere d'arte per collezionisti italiani e stranieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA