Ennesimo blitz dell'orso Juan Carrito in un pollaio: strage di galline. I residenti: «Si avvicina alle case, troppi rischi»

Ennesimo blitz dell'orso Juan Carrito in un pollaio: strage di galline. I residenti: «Si avvicina alle case, troppi rischi»
di Manlio Biancone
2 Minuti di Lettura
Martedì 8 Giugno 2021, 09:02

L’orsetto Juan Carrito si è affezionato ai pollai di Ortona dei Marsi, in provincia dell'Aquila, e l’altra notte è tornato a caccia di galline che si trovavano in una stalla non lontano dal campo sportivo. L’animale, grazie al radiocollare, è stato individuato e raggiunto dai guardia caccia che lo hanno allontanato dal luogo. Il vivace orsetto sta creando qualche problema non solo al personale dal Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, ma anche agli abitanti del posto.

 Sulla pagina Facebook Ortona dei Marsi – Prima Pagina ieri è apparso un post in cui viene lanciato un appello: «Altra visita dell’orso in un pollaio vicino al campo sportivo. L’ennesima strage di galline. Abbiamo voluto fotografare gli animali che si sono salvati. Anche loro hanno tutto il diritto di vivere. Anche gli allevatori hanno il diritto di allevare in tranquillità. L’Ente Parco e le istituzioni cosa pensano di fare?».

Un altro in un post dice: «Ore 7:40 di questa mattina. Sembrerebbe una foto simpatica, qualcuno direbbe che si è anche messo in posa. Peccato che l’orso si trova a circa due metri da due abitazioni abitate da una famiglia e da una persona anziana che tutte le mattine danno da mangiare alle loro galline. Vogliamo parlare del rischio che corrono le persone in paese o pensiamo che con un risarcimento economico per il danno è tutto a posto?»

© RIPRODUZIONE RISERVATA