CORONAVIRUS

Vacanze o lavoro in zone a rischio, per chi rientra in Abruzzo obbligo tamponi drive-in

Martedì 25 Agosto 2020
Vacanze o lavoro in zone a rischio, obbligo tamponi drive-in

Tamponi per chi rientra dall'estero, per lavoro o vacanza, ma anche da regioni italiane che fanno registrare contagi da coronavirus elevati, come la Sardegna. Si estende lo screening avviato dalla Asl Lanciano
Vasto Chieti con i tamponi «drive-in» eseguiti all'esterno dell'ospedale di Ortona grazie a una postazione mobile del 118. L'iniziativa, riservata inizialmente ai vacanzieri di ritorno da Croazia, Malta, Grecia e Spagna, apre a un target più ampio di residenti o domiciliati nei Comuni della provincia di Chieti, per intercettare il maggior numero possibile di casi positivi al Covid-19 e contenere il contagio.

Dal Covid ai ladri, il bar Mascitti rinasce con le sorelle Errica e Tiziana

«Il virus sta tornando importato da altre regioni e altri Paesi - dice il direttore generale della Asl Thomas Schael - È necessario adeguare la capacità di risposta della sanità pubblica, testando un numero di persone più ampio possibile. Invito perciò tutti i cittadini che rientrano in provincia di Chieti a presentarsi al drive-in di Ortona per sottoporsi a tampone. La drammatica esperienza dei mesi scorsi ci ha insegnato che è necessario essere tempestivi, per individuare i positivi in fretta, tracciandone i contatti e trattando da subito i sintomatici» La postazione di Ortona resta attiva tutta la settimana, dalle 9 alle 18.

Ultimo aggiornamento: 21:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA