Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Impatto con l’Intercity alla stazione, muore a 64 anni: indagini della Polfer

Impatto con l Intercity alla stazione, muore a 66 anni: indagini della Polfer
di Tito Di Persio
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Aprile 2022, 08:43 - Ultimo aggiornamento: 19:59

Tragedia in pieno centro a Roseto degli Abruzzi: è morto Mauro Sansone, 64 anni, originario di Roma ma da tempo residente a Roseto. Dopo pranzo è andato a prendere il caffè al bar della stazione, poi si è seduto nella panchina fuori a leggere il giornale sotto un tiepido sole come, dicono i presenti, «faceva abitualmente». L’uomo poi si sarebbe alzato, andando vicino ai binari e in quel momento passava l’Intercity 357/2 Milano-Pescara delle 15.20, che non ferma a Roseto. Per cause in fase di accertamento da parte della Polfer di Giulianova, l’uomo è stato sbalzato ad alcuni metri di distanza andando ad impattare contro una panchina in marmo a pochi centimetri dalla porta di ingresso del primo binario. Il colpo gli è stato fatale: l’uomo è deceduto per i traumi riportati. Questo è quanto ha stabilito l’ispezione cadaverica ieri.

Morte di Giulia Di Sabatino, il mistero di Claudia che chiede foto osé. «Dietro la chat nascosta l'imputato»

Morto a Teramo bimbo di 9 mesi travolto da una Jeep guidata da un 89enne. La sindaca: lutto cittadino

La ricostruzione della dinamica al momento è al vaglio degli investigatori: tutte le ipotesi sono aperte, dal malore improvviso, a una distrazione dovuta magari all’utilizzo di cuffiette, all’incidente fino a un eventuale gesto estremo. Gli agenti hanno acquisto le immagini di videosorveglianza, ascoltato alcuni testimoni, compreso il macchinista del treno. Il traffico ferroviario è stato subito bloccato. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, un’ambulanza del 118 e i vigili del fuoco che hanno transennato l’area. La moglie, una maestra molto conosciuta in città, appena ha appreso la notizia si è subito recata sul posto: sono state scene strazianti.

«Non ci posso credere – afferma Alberto, amico della vittima - Mauro stava benissimo, era un uomo allegro e pieno di vita». Poi racconta che in pensione da qualche anno - era stato un dipendente all’archivio della Rai a Pescara - e passava le giornate tra lunghe passeggiate e partite a tennis con gli amici. Ma dice anche di più: «Qualche anno fa aveva affrontato con coraggio e superato una malattia. Adesso stava benissimo». Il pm Enrica Medori ha restituito la salma alla famiglia per il funerale che si terrà domani (martedì 12 aprile) alle 10,30 nella chiesa di Santa Maria Assunta di Roseto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA