Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Infarto, morto a 50 anni Chicco Bruni: la sua è una famiglia storica di Roseto

Coronavirus, morto a 50 anni Chicco Bruni: la sua è una famiglia storica di Roseto
di Tito Di Persio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Gennaio 2021, 09:29 - Ultimo aggiornamento: 09:35

Roseto piange un altro cittadino illustre, è il terzo in meno di una settimana. Ieri pomeriggio è deceduto prematuramente per un infarto a soli 50 anni (compiuti da pochi giorni) Alessandro Bruni, per tutti Chicco. Il 50enne, stando a quando si apprende, tre giorni fa aveva accusato un malessere in casa. Da qui la decisione di allertare i soccorsi e farsi accompagnare con l’ambulanza in ospedale per un controllo.

Dopo la visita al pronto soccorso di Giulianova i medici lo fanno ricoverare all’ospedale di Sant’Omero, dove ieri è deceduto, probabilmente a causa di un arresto cardiaco. Chicco era molto conosciuto, stimato e benvoluto da tutti in città. Per anni aveva gestito il bar Adriatico nella zona sud di Roseto. «Aveva il sorriso stampato sulle labbra. Un saluto e una stretta di mano non la negava a nessuno», racconta chi lo conosce bene. A dare la triste notizia con un posto su Facebook un suo amico: «Chicco no! Addio grande amico, r.i.p.». Il post è diventato subito virale.

Quella di Chicco è una famiglia storica di Roseto. Era il nipote di Paolo Bruni, ex cameraman della Rai, scomparso lo scorso 11 luglio, lasciando alla sua comunità una raccolta di video della storia recente e passata di Roseto, diventata da poco patrimonio pubblico. Lo zio, da parte della madre è Francesco Ferri, rosetano doc, è da oltre 60 anni presente sul territorio di Roseto con i suoi prodotti di ferramenta e vernici. La sua è l’attività commerciale più longeva di sempre. Il padre (nonno di Chicco) è stato negli anni sessanta eletto primo cittadino, quando i sindaci non percepivano alcun compenso, anzi spesso anticipavano denaro senza neanche poterlo recuperare. L’altro zio è Genovino Ferri, psichiatra e direttore del reparto di psichiatria dell'ospedale di Atri. Il rito funebre si terrà oggi pomeriggio alle 15 nella chiesa del Sacro Cuore di Roseto. .

© RIPRODUZIONE RISERVATA