Morto nell'incidente con la Yamaha, lo ha travolto la moto dell'amico

Giulio Mestichelli morto incidente moto
di Marcello Ianni
2 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Agosto 2020, 09:00

Nato a San Benedetto del Tronto e apprezzato pizzaiolo era un amante delle montagne aquilane, soprattutto di Campotosto. Giulio Mestichelli di 28 anni come poteva saliva sulla Yamaha R1 per raggiungere il lago artificiale passando per i tornanti di San Pietro alla Jenca zona Assergi. Anche ieri il giovane in compagnia di altri amici ha percorso lo stesso tratto non immaginando di trovare la mala sorte prima dietro un tornante poi lungo la carreggiata opposta di marcia. Travolto da una moto, per il giovane centauro non c’è stato nulla da fare.

Secondo una prima ricostruzione, Mestichelli era diretto verso il lago di Campotosto quando nell’affrontare uno dei tornati che si trovano lungo la Statale 80, si sarebbe trovato davanti a sé un mezzo che usciva da una strada interpoderale. La presenza dell’ostacolo e il tentativo di frenare all’improvviso, ha fatto perdere al giovane centauro il controllo della moto. Mestichelli è scivolato invadendo la corsia opposta proprio nel momento in cui stava passando un’altra moto che lo ha investito in pieno, facendo cadere anche l’altro motociclista.

Per Giulio Mestichelli non c’è stato nulla da fare. Ferito in maniera leggera l’altro centauro di 50 anni di Bologna. Agli agenti della Squadra volante i due gruppi di motociclisti (gli amici della vittima e quelli del ferito) hanno raccontato della presenza di un’auto che uscendo dalla strada interpoderale sarebbe andata via come se nulla fosse. E’ bene chiarire come l’autovettura non ha impattato contro la due ruote. Immediatamente sono state diramate le ricerche. A trovare il conducente dell’auto, i carabinieri della stazione di Assergi. Si tratta di M.G. di 70 anni, allevatore di Camarda, stimato e conosciuto, mai un problema con la giustizia. L’anziano così come l’altro motociclista è risultato negativo al test alcolemico e a quello sulla presenza di eventuali sostanze stupefacenti. Le due moto e la stessa auto sono state sequestrate dall’autorità giudiziaria. Trasferita all’obitorio la salma del giovane centauro per essere sottoposta ad autopsia. Al momento conducente e mezzo e della moto sono stati segnalati tecnicamente all’autorità giudiziaria per omicidio colposo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA