Imprenditore muore il giorno del compleanno della moglie

Sabato 10 Ottobre 2020 di Francesco Marcozzi
Riccardo Marozzi  Imprenditore muore il giorno del compleanno della moglie

Lo attendevano per stappare una bottiglia di spumante per festeggiare il compleanno della moglie Fiorella, ma Riccardo Marozzi, 65 anni, di Giulianova, se ne è andato prima. Dopo la doccia si era messo a letto aspettando mezzanotte, ma, quando si è alzato, è caduto e proprio la moglie è stata richiamata da quel sordo rumore fuori della stanza. Quando è accorsa in suo aiuto, tra grida e disperazione, anche dei figli, si è capito che per Riccardo non c’era niente da fare. Morto sul colpo, un malore fatale, che la famiglia non sa spiegarsi perché Riccardo è stato sempre bene.

 

E’ stato dato l’allarme, sono arrivati gli operatori del 118 con un’ambulanza medicalizzata ma qualsiasi tentativo di rianimazione è stato vano, Riccardo è morto forse stroncato da un aneurisma anche se, come ha confermato il fratello Peppino (anche lui da sempre impegnato nel settore come tutta la famiglia dalle origini), Riccardo non aveva mai sofferto di una patologia particolare. Un dramma esploso all’improvviso nel giorno della festa, nel giorno del compleanno della moglie. Riccardo è stato da sempre un imprenditore nel settore della plastica. Era alla guida della sua mitica “Dimar resine”, ubicata sulla Nazionale per Teramo dove produceva tapparelle in plastica e avvolgibili. Aveva lavorato come tutti i giorni a fianco la moglie e poi entrambi erano tornati a casa per prepararsi a una festa che non ci sarebbe mai stata. Marozzi lascia la moglie e due figli. Michele ed Adamo. I funerali si svolgeranno oggi sabato 10 ottobre alle 15 nella chiesa di San Gabriele dell’Annunziata nel rispetto della normative anti covid, con mascherina in chiesa e senza assembramenti all’interno.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA