Migliaia di mail con il ricatto hard: Abruzzo nel panico

Migliaia di mail con il ricatto hard: Abruzzo nel panico
di Alessandra Di Filippo
1 Minuto di Lettura
Venerdì 21 Settembre 2018, 09:54
«Ti abbiamo ripreso mentre guardavi siti porno. Ora siamo pronti a diffondere i filmati a tutti i tuoi contatti, ai tuoi amici, ai tuoi familiari e alla persona a te più vicina. Se vuoi evitarlo, devi pagare entro 48 ore 300 dollari in bitcoin». Sono tantissimi gli abruzzesi, pescaresi in particolare, che, nelle ultime ore, stanno ricevendo email estorsive di questo genere. Si tratta di un nuovo tipo di truffa che si sta diffondendo di casella in casella, in tutta Italia. Tantissime, ieri mattina, le telefonate al compartimento polizia postale e delle telecomunicazioni di Pescara, diretta da Elisabetta Narciso, da parte di cittadini preoccupati, alcuni nel panico totale, che chiedevano aiuto e consigli. «Noi – spiega Narciso – abbiamo cercato di tranquillizzarli, spiegando loro che in realtà si tratta di un bluff, e quindi di non cedere al ricatto».

L'articolo completo sul Messaggero Abruzzo, oggi in edicola
© RIPRODUZIONE RISERVATA