Marito e moglie morti nell'incidente: l'automobilista indagato non risponde al giudice

Marito e moglie morti nell'incidente: l'automobilista indagato non risponde al giudice
di Marcello Ianni
2 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Dicembre 2023, 08:04

In un colloquio con il proprio avvocato aveva sostanzialmente negato ogni addebito, ieri dinanzi al giudice del Tribunale dell'Aquila ha preferito invece non rispondere, in attesa di essere informato un quadro investigativo più dettagliato. Si tratta di Ionut Borcea di 28 anni, cittadino di nazionalità romena, residente a Montereale, senza fissa dimora, arrivato in Italia a quanto pare tre mesi fa, per fare il boscaiolo.

Ieri mattina il giovane, assistito dall’avvocato Monica Badia, è comparso dinanzi al giudice per la convalida dell’arresto scegliendo al momento di non sottoporsi alle domande, aspettando una sorta di cristallizzazione delle accuse da parte del pm titolare del fascicolo, Marco Maria Cellini. Resta dunque in carcere con l’accusa di aver provocato l’incidente che ha ucciso sabato sera sulla Statale 260 (Picente), nella frazione di Marana di Montereale, Albino De Vecchis e sua moglie Filomena Croce, entrambi di 81 anni, quest’ultima deceduta nella notte di domenica per le gravi lesioni.

Secondo l’accusa il 28enne si sarebbe messo alla guida di una vecchia Fiat Panda con un tasso alcolemico superiore di 4 volte il limite di legge.

L’impatto frontale tra le due auto prive di airbag e le conseguenze dello stesso sono risultate fatali per la coppia di anziani. Non è escluso che per fare chiarezza sul sinistro si possa procedere a un incidente probatorio, una consulenza tecnica. Infine oggi alle 14.30 sono stati fissati i funerali nella chiesa della Madonna Delle Grazie sempre a Marana di Montereale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA